Arte, cultura e territorio: le Ville Venete si mettono in mostra

Arte, cultura e territorio: le Ville Venete si mettono in mostra

La Bit (Borsa internazionale del turismo) si è da poco conclusa, ma le sue offerte rimangono vive.

Tra queste, spiccano le grandi potenziali delle Ville Venete. Posti nel Nord-Est d’Italia, tali edifici sono il lascito di un’aristocrazia di mezzi abbondanti ed amante delle cose belle.
I risultati sono capolavori d’arte, con una natura incontaminata a fare da cornice di lusso. Infine, anche i numeri sono importanti: il Veneto ne ospita 3.828, sulle circa 4 mila censite
dall’Istituto Ville Venete, con il 90% dei Comuni che ne ospita almeno uno.

Allora, come spiega dall’assessore regionale Marino Finozzi, le Ville sono “Un patrimonio che il mondo vuole conoscere e che noi vogliamo proporre a tutti nel modo migliore”.

Il piano della Regione prevede di sfruttare al massimo le potenzialità delle strutture. Le Ville sono in primis fonte di arte e di cultura, ma anche sedi per conoscere l’agroalimentare e
la cucina locale: “Un patrimonio ricco, che può essere elemento forte per destagionalizzare e delocalizzare i flussi turistici rispetto alle cosiddette mete tradizionali”. Nasce
così il Progetto turistico delle Ville Venete, con il suo percorso personale e la Carta dei Servizi: ogni villa mette in campo la sua offerta esclusiva e le sue
peculiarità, in modo da valorizzarle al massimo

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

www.villevenete.net

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento