Aperto il bando per la nuova caffetteria della Provincia di Biella

Biella – Con la pubblicazione dell’avviso sull’albo pretorio si è aperta ufficialmente la gara per l’affidamento e la gestione della nuova caffetteria nei locali della
Provincia, c’è tempo fino al 29 maggio per presentare l’offerta, che sarà valutata da una apposita commissione giudicatrice.

La procedura di gara considera l’offerta al rialzo più alta sull’importo del canone mensile posto a base di gara. I criteri fissati dal bando sono precisi. Uno di essi, importante,
è la presenza di un progetto con proposte di animazione culturale e di promozione dei prodotti tipici biellesi. Insomma, idee in linea con la filosofia del Distretto culturale della
Provincia, che vede nella caffetteria l’elemento di connessione con il territorio.

Altri criteri: il curriculum professionale (esperienza, capacità organizzative e gestionali, sensibilità artistica, capacità relazionali); il numero di catering annui
offerti gratuitamente dall’aggiudicatario alle manifestazioni promosse e organizzate dalla Provincia o all’interno del palazzo per un pubblico non superiore a 100 persone.

Le attrezzature e i materiali di arredo saranno a carico dell’aggiudicatario così come la manutenzione semplice della struttura; dello spazio dato in gestione fa parte anche l’atrio di
fronte alla sede della caffetteria. La proposta di allestimento dovrà essere sottoposta all’ufficio tecnico della Provincia.

La gestione delle attività dovrà essere compatibile con la programmazione provinciale delle iniziative culturali, che saranno preventivamente comunicate al gestore per uniformare
l’attività e non creare sovrapposizioni.
Particolare attenzione – è un altro criterio del bando – dovrà essere data alla somministrazione di prodotti tipici, con uno spazio dedicato all’esposizione e alla vendita. Altro
criterio è l’attivazione di collaborazioni con cooperative o associazioni che propongono prodotti coltivati nei territori confiscati alla mafia.

L’ala ovest del palazzo provinciale è stata oggetto di un importante restauro, che la mette da un paio d’anni a disposizione dei cittadini. In linea con la volontà della giunta
Scaramal di avvicinare i biellesi alla vita amministrativa presentando i progetti strategici dell’intero comprensorio, ma anche di restituire alla comunità un monumento di storia sociale
importante come l’ex Ospizio di carità, sorto grazie al contributo di molti filantropi locali.
All’interno della caffetteria dovrà svilupparsi un info-point dedicato alle attività del marketing territoriale. Ma lo spazio sarà anche un centro di valorizzazione dei
prodotti del territorio, delle tradizioni e dei progetti di rilancio turistico e promozionale.

I locali possono essere visionati nei giorni lavorativi, dalle 9 alle 12 e 30, contattando il settore Cultura, istruzione e politiche sociali ai numeri telefonici 015/8480724 oppure
015/8480774.

Per partecipare alla gara occorre presentare all’ufficio protocollo della Provincia, in un plico sigillato entro il 29 maggio, 2 buste controfirmate su tutti i lembi di chiusura con l’istanza
di partecipazione alla gara e la proposta di gestione. La gara sarà celebrata il 9 giugno alle 10.

Leggi Anche
Scrivi un commento