Alimentazione, Pecoraro Scanio: «garantire il diritto di accesso alle risorse»

Roma, 16 Ottobre 2007 – “Di fronte al dramma di 854 milioni di persone sottonutrite e di 40 mila bambini che muoiono ogni giorno per denutrizione la politica deve saper dare risposte
chiare e che abbiano a cuore l’interesse delle persone prima che gli interessi delle multinazionali”.

“Abbiamo di fronte la necessità di garantire il diritto di accesso alle risorse dal momento che oggi questo diritto non è garantito. La lotta contro la fame è con tutta
evidenza una battaglia di democrazia”.

Lo ha dichiarato il ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Alfonso Pecoraro Scanio in occasione della Giornata mondiale dell’Alimentazione.

“Oggi – ha aggiunto Pecoraro – nel mondo si produce cibo a sufficienza per tutta la popolazione ma la fame e la malnutrizione rimangono piaghe che sembrano invincibili. L’azione per dare
accesso alle risorse e per combattere la povertà devono tener conto anche delle minacce provenienti dal cambiamento climatico che rischiano di provocare ulteriori difficoltà.
Sotto la spinta di enormi interessi economici la politica rischia di dare false risposte. Ad esempio gli ogm. Sono convinto che la diffusione di coltivazioni ogm non contribuirà a
risolvere il problema della fame dal momento che il problema resta quello dell’iniqua distribuzione delle risorse. Semmai gli ogm provocherebbero ingenti danni alle agricolture locali e alla
biodiversità violando anche il diritto di sovranità alimentare”.

Leggi Anche
Scrivi un commento