AIDS: cellule staminali modificate contro HIV

AIDS: cellule staminali modificate contro HIV

Cellule staminali modificate, introdotte nell’organismo per rendere resistente il suo sistema immunitario contro l’AIDS.

Questa l’idea di una ricerca dell’Università della California del Sud, diretta dalla professoressa Paula Cannon e pubblicata su “Nature Biotechnology”.

E’ noto come il virus HIV attacchi le cellule del sistema immunitario legandosi ad alcune proteine, tra cui la molecola CCR5. Esistono però individui dotati di una mutazione genetica che
impedisce la comparsa di questa molecola, e per questo sono resistenti al virus.

Allora, gli scienziati ipotizzano come eliminando il gene legato a CCR5 si potrebbe rendere la “sua” cellula più protetta contro HIV, limitandone così l’azione sull’intero
organismo.

Il team della professoressa Cannon ha così lavorato su alcune cellule staminali, ritagliandone il genoma tramite la tecnica detta “dita di zinco”. Poi, sono stati selezionati alcuni topi
da laboratorio, divisi in due gruppi.

Il primo gruppo ha ricevuto le cellule staminali “speciali”, che hanno modificato il sistema immunitario, il secondo gruppo no. Successivamente, tutti i roditori sono stati infettati con
l’AIDS.
L’osservazione, durata 12 settimane, ha mostrato come il sistema immunitario del primo gruppo avesse mantenuto la forza iniziale. Al contrario, gli anticorpi dei topi non trattati si erano
nettamente indeboliti.

Il prossimo passo dell’equipe della Cannon sarà utilizzare questa tecnica su esseri umani: inoltre, a differenza di quanto fatto coi topi, si lavorerà direttamente sulle cellule
del sistema immunitario.

Fonte: Nathalia Holt, Jianbin Wang, Kenneth Kim, Geoffrey Friedman, Xingchao Wang, Vanessa Taupin, Gay M Crooks, Donald B Kohn, Philip D Gregory, Michael C Holmes, et al. “Human
hematopoietic stem/progenitor cells modified by zinc-finger nucleases targeted to CCR5 control HIV-1 in vivo”
, Nature Biotechnology (2 July 2010) doi:10.1038/nbt.1663 Article

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento