Melanoma, individuate le cellule zero

Melanoma, individuate le cellule zero

Sono state scoperte le cellule zero del melanoma, il più pericoloso dei tumori della pelle.

Il merito è di una ricerca della Stanford University School of Medicine (in California, USA) diretta dai dottori Alexander Boiko e Irving Weissman e pubblicata su “Nature”.

Le cellule zero (del melanoma e di altri tumori) sono le cellule staminali che provocano la crescita del cancro, poiché capaci di riprodursi, creando nuove cellule malate. In questo
modo, se i farmaci eliminano il tumore, le cellule zero lo ricreano, spesso più forte di prima.

Per trovarle, gli studiosi hanno allora condotto esperimenti su topi di laboratorio. I ricercatori hanno così trovato il bersaglio grazie ad un “marchio molecolare”: la molecola CD271.

Le cellule con tale sono state trapiantate nei roditori, che si sono poi ammalati di melanoma. L’osservazione ha poi portato alla luce come le cellule zero siano prive delle etichette
molecolari TYR, MART e MAGE.
Come fanno notare Boiko e Weissman, le cellule con queste 3 etichette sono i bersagli degli attuali farmaci anti melanoma: questo spiega l’inefficacia dei trattamenti, incapaci di toccare il
“nucleo” del problema.

Prossimo passo, concludono i due esperti, sarà perciò creare i nuovi prodotti in grado di colpire CD271 e quindi le staminali, eliminando la malattia alla radice.

Fonte: Alexander D. Boiko, Olga V. Razorenova, Matt van de Rijn, Susan M. Swetter, Denise L. Johnson, Daphne P. Ly, Paris D. Butler, George P. Yang, Benzion Joshua, Michael J. Kaplan, et
al., “Human melanoma-initiating cells express neural crest nerve growth factor receptor CD271”, Nature 466, 133-137 (1 July 2010),
doi:10.1038/nature09161 Letter

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento