ADUC: Alitalia, rimangono gli interrogativi

 

Roma – Mentre prosegue la trattativa Governo-Cai-Sindacati, noi continuiamo a chiedere lumi sull’insieme dell’operazione. Avevamo sollecitato al Governo un quadro sinottico delle
operazioni Alitalia-Air France e Alitalia-Cai, ma siamo ancora in attesa di risposte. Facciamo il punto e rinnoviamo le domande.

L’Alitalia è stata dichiarata insolvente dal Tribunale di Roma, questo vuol dire che, di fatto, è messa in vendita e chi offre di più può acquistarla.

La prima domanda che viene spontanea è perchè non si fa un’asta pubblica e si prosegue, invece, con la trattativa privata.

La seconda domanda riguarda l’AirOne che non naviga nell’oro e che e’ coinvolta nella trattativa. A quanto ammontano i suoi debiti complessivamente? Visto che Banca Intesa e’ stata
l’advisor dell’operazione Fenice, sarebbe interessante sapere quanto e’ esposta AirOne con Banca Intesa, perche’ ci potrebbe essere un conflitto di interessi tra Banca Intesa e
l’operazione “salvataggio” messa in moto dalla banca stessa.

Abbiamo chiesto notizie sul lock up, cioe’ l’impegno a non vendere Alitalia prima di 5 anni: e’ un vincolo posto dal venditore o e’ un accordo tra i soci? Appare evidente che l’ingresso
di Air France, che ha le competenze nel settore a differenza della “cordata italiana”, pone le condizioni per un successivo passaggio alla compagnia francese. Ci troveremmo cosi’ non
alla svendita di Alitalia ad Air France ma a un vero e proprio regalo ai francesi, con qualche guadagno per i “capitani coraggiosi” italiani. In tutta questa storia chi e’ stato
totalmente ignorato e’ il cittadino italiano: come contribuente si accolla il debito Alitalia, che stando al settimanale inglese “The Economist” ammonta a 125 euro per tutti i
contribuenti italiani.

Meno male che si era detto che non si voleva mettere le mani nelle tasche degli italiani! Gli utenti continuano ad essere bistrattati: oggi chi vuole comperare un biglietto Alitalia
è garantito? Abbiamo seri dubbi, per cui consigliamo di appli care il principio di precauzione: astenersi dal comperare i biglietti della nostra “compagnia di bandiera”.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Leggi Anche
Scrivi un commento