Abbronzatura ed alimentazione: promossi pesce e melone, bocciati arance e limoni

Abbronzatura ed alimentazione: promossi pesce e melone, bocciati arance e limoni

Quando si vuole ottenere una buona abbronzatura, anche l’alimentazione ha il suo peso. Ed, in ogni caso, meglio affidarsi ad un esperto come il dottor Marco Mattu, specialista in scienza
dell’alimentazione.

Per il dottore, la regola generale è cercare alimenti ricchi di acqua, vitamine e sali minerali.

Per questo, al primo posto la verdura, da cuocere al vapore e consumare cruda.

E, tra le verdure, al primo posto la carota: ha il maggior contenuto di carotenoidi, che stimolano la formazione di melanina: 1200 mg ogni 100 grammi di prodotto. Promossi anche i vegetali
verdi (broccoli e rucola), arancioni (melone ed albicocche) e gialli (pesche).

L’amante del colorito estivo deve poi mettere in tavola uova, mais, pomodori e formaggi bianchi: al loro interno vi sono selenio e vitamina E che proteggono la pelle, donandole una bella tinta
bronzea e proteggendola dagli effetti negativi dei raggi solari. Per motivi simili, spazio a pesce, mandorle e nocciole: offrono omega-3, che prevengono l’invecchiamento e fanno durare
più a lungo l’abbronzatura.

Il pesce, oltre a pollo, banane, avocado e semi di sesamo, promosso anche per la tirosina, amminoacido con delle proprietà antiossidante e gli stessi effetti delle vitamine A. Il tutto
condito con olio d’oliva, che aumenta l’assorbimento di betacarotene.

Da non trascurare l’elenco dei bocciati.

Nella lista dei cattivi del dottor Mattu, i primi cattivi sono gli agrumi: arance e limoni, la cui vitamina C ostacola l’abbronzatura. Parimenti, vanno evitati crescione e prezzemolo.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento