Vercelli: gestione del territorio, verrà presentato il progetto “PROGRESDEC”

Vercelli – Regioni italiane ed europee confrontano la propria esperienza di pianificazione e gestione del territorio sperimentando processi innovativi, si chiama «PROGRESDEC»
e si propone di costituire relazioni e promuovere scambi di esperienze e di buone pratiche acquisite nel campo della gestione del territorio e dello sviluppo economico, fra regioni appartenenti
a tutti i Paesi Membri dell’UE.

La Provincia di Vercelli ha partecipato a questo progetto individuando come area territoriale di studio e di interscambio la valorizzazione della Baraggia Vercellese e delle colline del
Gattinarese. Lo studio, sviluppato in collaborazione con la Provincia di Latina, la Provincia di Palermo, la Municipalità di Mouriki (Grecia), la Prefettura di Salonicco (Grecia), che
vede come protagonista l’area della baraggia vercellese, è stato presentato per la prima volta il 20 novembre 2006, in occasione dell’apertura dei lavori, nella cornice del Castello di
Rovasenda.

La Provincia di Vercelli illustrerà i risultati ottenuti nell’arco di questo anno di lavoro al convegno che si terrà Venerdì 8 Febbraio alle ore 16,00 presso la «Sala
della Vittoria» di Palazzo Pasta, a Vercelli, in occasione dell’inaugurazione della mostra itinerante relativa al «PROGRESDEC» promossa dalla Regione Piemonte.

Marco Fra, assessore alla Pianificazione Territoriale commenta: «La scelta di campo del mio credo amministrativo è quella di una Provincia di Vercelli che non contrappone, ma che
concilia e integra, pianura e montagna, tradizione e modernità, identità e innovazione, radicamento locale ed apertura a prospettive globali. La Provincia della dimensione urbana
e quella della dimensione rurale e montana riflettono dimensioni complementari, che, in qualche modo, hanno bisogno l’una dell’altra. Non possono essere concepite separatamente. Questa
relazione di necessità non esiste «in natura». Va costruita culturalmente e politicamente. Anche e soprattutto attraverso iniziative e strumenti ad ampio respiro come il
PROGRESDEC, i cui lavori verranno illustrati nel corso del convegno».

Leggi Anche
Scrivi un commento