Paesaggio, Cocchi: «Governiamo i cambiamenti»

Firenze – Andare oltre una logica conservativa del paesaggio e guardare al futuro considerando ogni spazio, urbano o naturale, come elemento da valorizzare, questo l’obiettivo di
UNISCAPE, la Rete delle Università europee per l’attuazione della Convenzione europea per il paesaggio, che si è costituita oggi a Firenze ed ha fissato la sede dell’associazione
proprio nella Villa medicea di Careggi.

«Non possiamo limitarci ad assistere ai fenomeni in corso – ha detto l’assessore regionale alla cultura e al turismo, Paolo Cocchi – dobbiamo gestire i cambiamenti ed il rapporto tra i
flussi turistici crescenti, il paesaggio e la fruizione dei beni culturali. C’è molto della Convenzione europea per il paesaggio, dei principi di questa Carta che vede le sue radici
proprio a Firenze, anche nel dibattito di questi giorni sull’opportunità di innovare la gestione dei beni culturali in questa città, che è simbolo della cultura e che
dovrebbe essere simbolo anche dei processi di sviluppo nella fruizione beni culturali».

L’assessore Cocchi ha aperto i lavori dell’assemblea delle 57 Università europee che hanno aderito ad UNISCAPE come membri fondatori ricordando lo stretto legame tra la Toscna e la
Convenzione Europea del paesaggio. Ha sottolineato come la norma europea, oggi legge in 29 Stati tra cui l’Italia, sia definita ‘Convenzione di Firenze’ proprio perché il capoluogo
toscano ha ospitato la conferenza intergovernativa del 1998 che ha dato avvio al primo progetto della Convenzione e la firma del testo definitivo in occasione della Conferenza ministeriale del
2000. «Il fatto che la Convenzione sia legge non basta – ha spiegato Cocchi – per farla correttamente applicare. Serve un lavoro dal basso, calato nelle esperienze concrete di governo. La
Toscana ci crede: la Villa medicea di Careggi già ospita la sede permanente di RECEP, la Rete europea degli enti locali e regionali per l’attuazione della Convenzione europea del
paesaggio, di cui la Regione è membro fondatore. Sono lieto che l’assemblea delle Università abbia scelto questa stessa Villa anche per ospitare la sede di UNISCAPE: da oggi
Careggi diventa un punto di riferimento nazionale ed internazionale per l’innovazione in materia di paesaggio».

Pamela Pucci

Leggi Anche
Scrivi un commento