Venezia: L'idea della partnership con la Coca-Cola nasce dalla necessità di tutelare il patrimonio della città stessa

Venezia – “E’ una strategia finanziaria oggi indispensabile per la salvaguardia del nostro patrimonio monumentale-artistico ed è esattamente in linea con quanto auspicato
dal Ministero dei Beni culturali”. Il sindaco di Venezia Massimo Cacciari si dice “stupefatto” delle polemiche sul progetto di partnership tra il Comune e la Coca-Cola, “una delle
più grandi e prestigiose marche del mondo”, progetto che ricalca il metodo già adottato con altre grandi aziende.

“Ogni operazione è approvata dalla Soprintendenza ai Beni architettonici e i fondi ottenuti vengono usati con la massima trasparenza ai fini di tutela e salvaguardia della
città”, sottolinea il sindaco, facendo notare che la partnership con la Coca-Cola “segue perfettamente il metodo già adottato per altre e altrettanto prestigiose
collaborazioni, come con Lancia per il restauro di Palazzo Ducale, con Swatch per la Biblioteca Marciana, con Replay per Cà Rezzonico, con Bulgari per la Scala d’Oro, e inoltre
con Fassa Bortolo, Msc Crociere, Banca Intesa, ecc”.

Secondo Cacciari, l’idea che la tutela e la salvaguardia di Venezia “possano essere garantite soltanto da gratuito mecenatismo è semplicemente irrealistica o dettata da pura
malafede” e il Comune quindi “intende proseguire con decisione sulla strada così proficuamente intrapresa in questi anni”. Non solo per “gli evidenti benefici economici”, ma
perché il sindaco-filosofo ritiene che la collaborazione tra pubblico e privato costituisca “l’asse di qualsiasi strategia amministrativa, in tutti i campi, nel prossimo futuro”.

“Le ‘anime belle’ che protestano contro una simile strategia, che è adottata ormai in tutti i luoghi e tutte le città del mondo – conclude Cacciari – dovrebbero perlomeno
avere il buon gusto di indicare qualche alternativa o, meglio ancora, provvedere di tasca propria agli inderogabili bisogni della loro città”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento