Un modello agroalimentare di qualità e libero da OGM

Sono stati 3 086 524 i voti raccolti, di cui 3 068 958 SI’ (99,43%) e 17 566 NO (0,57%), questo il verdetto dei cittadini, chiamati a decidere per un modello agroalimentare di qualità e
libero da Ogm, nella Consultazione nazionale promossa dal 15 settembre al 15 novembre dalla Coalizione «ItaliaEuropa – liberi da Ogm», un’esperienza di democrazia partecipata e di
ricoesione sociale assolutamente inedita nel nostro Paese, che ha coinvolto 32 organizzazioni e milioni di cittadini in oltre 2mila eventi in tutta Italia.

Da una prima analisi del voto, emerge la netta la prevalenza del Nord Italia, con il 52% dei voti, seguito da Centro (28%) e Sud (20%). Regioni con più votanti sono risultate l’Emilia
Romagna (18,68%) e la Lombardia (12,76%). Seguendo una distinzione per macro aree, più della metà dei voti sono arrivati da regioni con prevalenza di occupati nell’industria
(55%), seguite da quelle a prevalenza nel terziario (29%) e nell’agricoltura (16%). Le 5 regioni con il maggior numero di prodotti di qualità certificati (ovvero Emilia Romagna,
Lombardia, Veneto, Piemonte e Toscana) hanno espresso da sole il 49% dei voti.
Il 64% dei voti è stato invece raccolto nelle regioni Ogm-free, ovvero Valle D’Aosta, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Marche, Umbria, Abruzzo, Campania, Basilicata, Puglia,
Sardegna.
Oltre 500mila i voti espressi attraverso il web (il 16,66% del totale), di cui 504.526 SI’ e 9676 NO, con una media di più 8200 voti al giorno. Su di essi è stato possibile
effettuare una prima analisi dei votanti, da cui emerge che il 63% è costituito da persone di età compresa tra i 26 e i 50 anni, seguiti dagli over 50 (27%) e dai giovani tra i 14
e i 26 anni (10%).

Significativa la partecipazione via sms, attivata il 24 ottobre. Su un totale di 5363 sms validi ricevuti, sono stati registrati 5174 Sì e 184 No.

Le iniziative organizzate nell’ambito della Consultazione sono state 2136, con una media di 40 eventi al giorno distribuiti su tutto il territorio nazionale. Fra questi, 16 eventi nazionali e
362 eventi permanenti. Si è trattato soprattutto di punti di raccolta voto (46%) e mercati di prodotti tipici (18%), seguiti da fiere (17%), convegni (10%), manifestazioni (6%) e mostre
(3%).
Dall’analisi della distribuzione per macro aree risulta che il Nord ha contribuito con il 42%, seguito dal Sud (32%) e dal Centro (26%).

Discreta la copertura mediatica, che è risultata ben distribuita tra i vari mezzi di informazione, con una prevalenza della carta stampata (53%) e del web (33%), seguiti equamente da tv
e radio (7%).

La Coalizione è riuscita ad organizzare una iniziativa così rilevante con una spesa totale molto contenuta, ovvero poco più di 500mila euro, con l’utilizzo di fondi di
natura esclusivamente privata.

Leggi Anche
Scrivi un commento