Umbria: Si dimette l’Amministratore Delegato di Acea

Umbria: Si dimette l’Amministratore Delegato di Acea

Terni – “Alla luce delle nuove dinamiche societarie che riguardano Acea è necessario conoscere le nuove strategie generali e quelle che riguardano il nostro territorio”.

Lo ha detto il Presidente della Provincia di Terni Andrea Cavicchioli intervenendo sulla questione della società all’indomani delle dimissioni dell’amministratore delegato. Cavicchioli ha
anche sottolineato l’importanza del confronto in atto fra i soci Comune di Roma, GdF Suez e Gruppo Caltagirone rispetto agli obiettivi generali che verranno delineati e alla governance.

“L’Acea – ha spiegato Cavicchioli – ha importanti interessi nella provincia di Terni in vari settori nel campo dei servizi, della produzione e distribuzione dell’energia, nella gestione dei
rifiuti e del termovalorizzatore Terni Ena (nella foto). Il sistema istituzionale locale – ha fatto osservare – sta affrontando scelte determinanti per quanto riguarda il piano energetico
regionale, con ovvie ricadute per l’ambito ternano, per la multiutility provinciale e l’assetto dei servizi, con il ruolo dell’Asm e delle altre società partecipate dai Comuni.

In questo contesto – ha aggiunto – abbiamo ribadito, come Amministrazione provinciale, la volontà di avere certezze anche in sede regionale per quanto concerne la tendenziale
autosufficienza degli ambiti per la gestione complessiva del ciclo dei rifiuti, la necessità di superare l’attuale stato di conferimento totale sulla discarica di Orvieto con l’attuazione
di un programma concreto di raccolta differenziata spinta e con il trattamento della frazione secca preferibilmente in impianti esistenti, applicando l’obiettivo della semplificazione, escludendo
il revamping del termovalorizzatore Asm, senza possibilità di incremento produttivo, con l’obiettivo di diminuire le emissioni nella Conca ternana.

E’ evidente – ha affermato Cavicchioli – che qualora non si raggiungesse questo risultato in tempi rapidi, va presa in esame la possibilità di utilizzare nuove tecnologie nel processo di
trattamento della frazione secca per raggiungere in ogni caso lo scopo di un equilibrato assetto in questo settore. E’ pertanto palese – ha concluso – la necessità di avere certezze in
ordine alle strategie di Acea per verificare in maniera corretta gli interessi del territorio e quelli della società, tenendo conto dei principi a cui si è fatto riferimento”.

Leggi Anche
Scrivi un commento