Umbria: incontro e mobilitazione dei produttori di tabacco

Organizzata dalle Associazioni di produttori di tabacco operanti in Umbria, Toscana, Lazio ed Abruzzo, unitamente alla Cia e Confagricoltura, si è svolta questa mattina, presso il Relais
Borgo Brufa, a Brufa di Torgiano ( Perugia ), un incontro a cui hanno partecipato i diversi soggetti della filiera del tabacco umbro.

La riunione è stata indetta dopo aver costatato da parte di alcune Associazioni di produttori di tabacco, che hanno iniziato le consegne del prodotto presso le Imprese di trasformazione
con la quale hanno stipulato i contratti, che i prezzi realizzati sono al di sotto delle aspettative dei produttori. Tale tendenza se dovesse confermarsi come definitiva significherebbe per
molte aziende, perdite economiche ingenti. Evento, questo, causato dai ben noti aumenti dei costi di produzione.

Nella consapevolezza che qualora i prezzi praticati in questi giorni fossero confermati, già dalla prossima campagna avremmo una diminuzione del 25 per cento delle superfici investite, a
seguire anche nel 2009. Fatto che indebolirebbe sensibilmente le azioni politico sindacali intraprese per la continuità della produzione.

Questo è un anno decisivo per stabilire le prospettive future, è certo che non dobbiamo consentire sconti a nessuno, sia di carattere politico che economico, per chi ne ha le
rispettive responsabilità.

Il presieìdente della Cia Umbria Antonio Sposicchi, nel suo intervento, ha sottolineato il dato negativo del terzotrimestre del Pil agricolo causato soprattutto dall’aumento dei costi
produttivi a loro volta indotti dal vertiginoso aumento del costo del petrolio da cui dipende il forte incremento che hanno subito i costi di produzione del tabacco.

Infine, il presidente Sposicchi ha sostenuto la necessità di procedere realmente e concretamente nella realizzazione del “polo unico” del tabacco umbro in quanto presupposto per il
miglioramento dell’efficienza produttiva e della semplificazione della rappresentanza.

All’incontro ha partecipato l’assessore all’Agricoltura della Regione Umbria, Carlo Liviantoni il quale ha ribadito l’impegno della Regione a prorogare al 2013 l’attuale regime di sostegno al
tabacco. Ha, quindi,riferito del continuo contatto con il ministro De Castro anche perché venga svolta l’adeguata pressione nei confronti delle multinazionali affinché mantengano
l’impegno a riconoscere prezzi del prodotto in continuo e graduale aumento da oggi al 2009.

Infine ha manifestato la solidarietà, la comprensione e l’impegno circa le richiesta avanzate dai tabacchicoltori.

Ai lavori hanno espresso pareri concordi tutti coloro che sono intervenuti in rappresentanza dei diversi soggetti invitati.

In relazione ai risultati dell’incontro gli intervenuti hanno deciso di sospendere il conferimento del tabacco alle diverse manifatture da oggi mercoledì 14 a martedì 20 novembre.

Nel contempo Unitab, rappresentata dal presidente nazionale Di Bucchianico in nome e per conto degli intervenuti, ha predisposto una lettera che ha inviato al ministro Paolo De Castro nella
quale spiega i motivi della scelta di sospensione del conferimento e gli rivolge appello affinché intraprenda ogni iniziativa nei confronti delle multinazionali del tabacco al fine di
vedere riconosciuto l’aumento del prezzo del tabacco prodotto dagli agricoltori.

Leggi Anche
Scrivi un commento