Tumore ai polmoni: i fumatori hanno un rischio 60 volte superiore

Tumore ai polmoni: i fumatori hanno un rischio 60 volte superiore

Numerose ricerche hanno dimostrato che, in termini di tumore ai polmoni, fumare  forte (40 sigarette al giorno) fa la differenza, aumentando il rischio. Tuttavia, anche gli amanti delle
sigarette possono migliore, anche se “l’ultimo treno” arriva intorno ai 30-35 anni.

A dirlo, il dottor Filippo de Marinis, presidente della II Italian Conference on Thoracic Oncology (che si apre domani a Roma) e direttore della I Unita’ Operativa di Pneumologia Oncologica
dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma.

Innanzitutto, carte in tavola: il dottor de Marinis ricorda come il fumo renda l’organismo più vulnerabile al cancro fino a 60 volte in più rispetto ad un organismo sano.

Ciò detto, anche i fumatori possono migliorare. Ma, spiega l’esperto, devono impegnarsi: “Per tornare a un rischio pari a quello di un paziente che non hai mai acceso una sigaretta nel
corso della sua vita, bisogna aver smesso da almeno 10 anni. Dieci anni che, ovviamente, devono arrivare il prima possibile, e’ auspicabile intorno ai 30-35 anni al massimo”.

Lo scienziato specifica inoltre che “Per annullare il rischio cardiovascolare legato al fumo sono necessari 3-4 anni, per portare il rischio oncologico quasi pari a quello di un non fumatore
servono 10-15 anni e, lo dico a voce alta, il rischio e’ azzerato se si smette di fumare prima dei 35 anni”.

Riguardo alle statistiche, la situazione è in chiaroscuro: da un lato, nei Paesi industrializzati il fumo perde terreno, mentre la pratica aumenta negli Stati in via di sviluppo.

Messe peggio le donne, sempre più attratte dal vizio, ed allora sempre più giovanissime sviluppano il tumore in questione. A riguardo, de Marinis rricorda che per la malattia non
esiste un test: “Quindi bisogna pensarci e concordare un controllo con il proprio medico. Per le donne non esiste solo il cancro della mammella”.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento