Tribunale di Cremona, fallimento Hotel Hermes: ASTA DESERTA! Presto nuovi arresti?

Tribunale di Cremona, fallimento Hotel Hermes: ASTA DESERTA! Presto nuovi arresti?

Cremona, 17 gennaio 2013
Cronaca di un Miracolo annunciato: Lino Cauzzi non ha mai dubitato della Giustizia, e i fatti gli stanno dando ragione.
Newsfood.com da più di due anni sta seguendo le vicissitudini, semplicemente incredibili, di un imprenditore che non ha mai cessato di urlare la verità finchè qualcuno non lo
ha ascoltato, ha indagato ed è risalito ai veri responsabili della complicata truffa di cui è stato vittima.

Cerchiamo di immaginare cosa possa essere avvenuto stamattina nella Sezione del Tribunale fallimentare del Tribunale di Cremona con all’ordine del giorno la vendita all’incanto dell’Hotel Hermes
-Fallimento Immobiliare Italia srl.

Premessa
Inizia (dovrebbe iniziare) l’asta per la vendita dell’Hotel Hermes, annunciata e fissata per oggi dal Giudice Sora nello scorso novembre, sulla base della documentazione in sue mani a quel
momento ma carente di elementi determinanti, presentati per tempo, ma acquisiti in tempi successivi (per motivazioni poco chiare, sicuramente dolose, sulle quali i nuovi giudici dovranno
pronunciarsi). La Giustizia a volte è poco giusta ma, se non si ha paura di urlare la Verità, come Lino Cauzzi fa da quasi quattro anni, è destinata a trionfare.

Ore 9.30 -Tribunale di Cremona
Il curatore fallimentare si presenta al nuovo Presidente del Tribunale, Dott. Pio Massa.
Subito viene chiamato in udienza il sig. Lino Cauzzi che si presenta con la persona che oltre un anno fa aveva offerto al curatore 10.000 Euro/mese per la gestione dell’Hotel. Nonostante la
garanzia con fidejussione bancaria, l’offerta fu rifiutata e l’hotel continuò ad essere gestito dal Gruppo Catapano fino all’estate 2012, nonostante le condanne emesse dal Tribunale di
Padova per patteggiamento -quindi con ammissione di colpa- e i relativi arresti dei malavitosi.

C’è chi dice che nei tre anni di gestione Catapano dell’Hotel Hermes -che ha lavorato ed incassato- non sia mai stato versato nemmeno un euro nelle casse del Fallimento Immobiliare Italia
srl a tutela dei creditori. Se è così, quale arcano mistero c’è sotto?
Cauzzi ha sempre detto che il fallimento è stato “pilotato con dolo”. Un fatto è certo: il fallimento è stato decretato sei mesi dopo che Lino Cauzzi è stato
estromesso da ogni carica, impossibilitato quindi, di fatto a poter far fronte agli impegni verso i creditori.

Pare che vi sia anche da chiarire la presentazione di una parcella da mezzo milione di Euro da parte di un “professionista”… creditore privilegiato, alla pari del privilegio che gode il
curatore, come la Legge in materia prevede.

Asta deserta, bastano pochi minuti per comunicare al curatore fallimentare Dott. Coratella di sospendere ogni azione.

Per le sorti dell’Hotel Hermes bisogna aspettare il 15 febbraio 2013, in attesa degli accertamenti doverosi in corso.

Avvocati e creditori increduli se ne vanno borbottando.

Il sig. Lino Cauzzi si complimenta con il suo avvocato Giacomo Triolo.

Un’altra battaglia è stata vinta, grazie anche ai ripensamenti del Tribunale di Cremona che ha voluto scavare tra le scartoffie alla ricerca della Verità, ma la guerra è
ancora lunga.

Lino Cauzzi non sta cercando vendetta contro chi lo ha truffato ma vuole che si faccia luce sui fatti e lascia che siano i Giudici ad applicare la Legge.

Giuseppe Danielli
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento