Torino. Sfida al cioccolato

Torino. Sfida al cioccolato

Un francese a Torino.
Pascal Caffet, maestro cioccolatiere di valore mondiale, ha deciso di aprire un negozio nella città dei Savoia. Dopo Parigi e Londra, il campione transalpino ha scelto il capoluogo
piemontese come testa di ponte per lo sbarco in Italia, che potrebbe potrebbe toccare anche Firenze e Roma.

Spiega Caffet: “Ho voluto aprire un negozio a Torino perché è la capitale del cioccolato italiano. Ho pensato che qui tutti avrebbero compreso le mie specialità.
Soprattutto, spero che saranno apprezzati i miei macaron. In Francia sono diventati un simbolo della nostra pasticceria. Abbiamo gusti molto interessanti, freschi, puissant (potenti,
letteralmente, ma in questo caso significa “esplosivi”, strabilianti)”.

I macaron, appunto, rappresentano l’asso nella manica per conquistare i palati locali.

Hanno la forma di coriandoli alimentari over-size, con un guscio duro ed un interno morbido, confezionati con pasta di mandorle. Devono rispettare 2 regole fondamentali: essere morbidi (ma non
gommosi) ed avere la crema, come “colla” per le 2 cupole. Ciò detto, possono presentarsi in 15 varietà: tra le tante, rosso lampone, verde pistacchio, giallo limone, bianco
vaniglia. A Torino, Pascal Caffet ne produce una serie nuova a settimana (costo: 77 euro al kg, circa un euro l’uno).

Oltre ai macaron, la bottega del maestro straniero del cioccolato possiede altre risorse.
Ecco allora le classiche praline, non i concorrenza con i primi perché “Si tratta di due prodotti differenti, che mi rappresentano entrambi. I macaron sono adatti per l’ora del
tè, come dessert, sono anche molto amati dai bambini, i cioccolatini si possono gustare tutto l’anno e tutti i giorni”.

O le barre di cioccolato: con le classiche nocciole, ma anche con caffè, mandorle o a Marc di Champagne.

O ancora, si possono gustare le Cristalline: specialità d’Oltralpe, sono realizzate con pasta di “feuilletine” (sorta di wafer leggero), ricoperta di fondente Venezuela al 70 per
cento.

LINK al sito di Pascal Caffet

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento