Testi digitali per i disabili visivi

Le persone con disabilità visiva potranno leggere le novità editoriali messe sul mercato grazie alla trasformazione in testo digitale, lo prevede un decreto del Ministro per i
Beni e le Attività Culturali, firmato il 18 dicembre 2007 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n° 82 del 7 aprile 2008.

Grazie alla trasformazione dei libri in file testuali, le informazioni in essi contenute saranno accessibili anche ai ciechi, che potranno leggerle tramite personal computer. I dislessici
potranno invece associare il testo scritto alla lettura con voce sintetica e gli ipovedenti avranno la possibilità di ingrandire e contrastare i caratteri.

Il decreto prevede uno stanziamento di fondi, che ammontano a 2.750 milioni di euro, destinati ai progetti finalizzati alla fruizione in formato accessibile di novità editoriali, che
entro un massimo di 72 ore dalla pubblicazione del corrispondente cartaceo. Il decreto fissa inoltre il numero dei titoli da rendere disponibili nell’arco di ogni anno: 2.000 di autori
italiani, 500 di autori stranieri, più 500 titoli a richiesta degli utenti.

Leggi Anche
Scrivi un commento