Terremoto, il Codacons: gli enti locali non devono costituirsi parte civile

Terremoto, il Codacons: gli enti locali non devono costituirsi parte civile

“Comincia la carica dei coccodrilli che dopo il terremoto si pentono e piangono, quando in realtà hanno anche loro contribuito alla situazione di sfacelo che ha colpito l’Abruzzo” –
così Carlo Rienzi, Presidente Codacons, commenta l’intenzione di alcuni enti locali di costituirsi parte civile nell’inchiesta aperta dalla magistratura a seguito del sisma.

“Comuni, Province e Regioni, così come lo Stato, non possono e non devono costituirsi parte civile, perché in un eventuale processo non dovrebbe essere questo il loro ruolo –
prosegue Rienzi – Gli enti locali, infatti, potrebbero risultare corresponsabili, ciascuno per le proprie competenze, dei crolli che hanno coinvolto migliaia di abitazioni, perché non
hanno effettuato adeguati controlli e verifiche prima, durante e dopo la costruzione delle abitazioni e delle varie strutture. Se è vero che le case non sono state costruite a norma di
legge, o che per la loro realizzazione sono stati utilizzati materiali scadenti, è altrettanto vero che chi doveva vigilare non l’ha fatto, o l’ha fatto male. Per questo – conclude Carlo
Rienzi – riteniamo che la magistratura debba accertare le responsabilità non solo di chi ha speculato e costruito male, ma anche dei controllori che non hanno controllato”.

I cittadini che vogliono costituirsi parte civile nell’inchiesta aperta a seguito del terremoto – informa il Codacons – possono farlo attraverso l’associazione, inviando una mail all’indirizzo
codacons.info@tiscali.it

Leggi Anche
Scrivi un commento