Spumante italiano, sesto elemento dello Chef Nalon

 

La quarta edizione del Forum Spumanti d’Italia che verrà inaugurata venerdì 06 Settembre presso Villa dei Cedri a Valdobbiadene, si preannuncia come
un’edizione interessante non solo dal punto di vista enologico ma anche gastronomico. Basta la presenza di Gregory Nalon a sottolineare l’elevata qualità degli
incontri organizzati per parlare di cucina in abbinamento ai grandi spumanti italiani.

La presenza dello «Chef dei 5 elementi», così è conosciuto dal pubblico di estimatori ed addetti ai lavori, è infatti prevista per Lunedì
08 settembre alle ore 11.00. L’Auditorim Cavallerizza della Villa ospiterà il convegno curato dalla rivista Degusta, a titolo «Rinascimento spumeggiante in
cucina». All’incontro di cultura enogastronomica con i cuochi italiani, nel contesto di una cucina sempre più innovativa e creativa, si parlerà dello spumante
«vino conosciuto dalle potenzialità inespresse» e lo Chef Nalon presenterà la sua cucina dei 5 elementi abbinandola proprio ai vini spumeggianti italiani in un
menù da lui creato espressamente per la quarta edizione del Forum Spumanti d’Italia.

Gregory Nalon è convinto da tempo che «il sapere sia dato dall’esperienza» ed ha riscoperto così la voglia di cucinare I prodotti offerti dalla
terra, rispettandoli con le cotture e i condimenti. Questa la filosofia su cui poggia la sua «Cucina dei 5 elementi» (legno, fuoco, terra, metallo, acqua), una cucina
che arriva dopo due anni di studio che ha portato lo chef veneziano, alla scoperta di erbe e di culture diverse: dalla cucina cinese a quella giapponese, passando per la cultura delle
stagioni legata agli organi vitali del nostro corpo in abbinamento al cibo. Cinque elementi per cinque sensi e per cinque diversi gusti da abbinare in modo armonioso, attraverso ricette
che seguono una logica rotazione, ai migliori Spumanti italiani in mostra e in degustazione dal 06 al 08 settembre presso Villa dei Cedri a Valdobbiadene.

La necessità di rimeditare sul sistema di analisi e valutazione

La necessità di rimeditare sul sistema di analisi e valutazione dei vini spumantizzati è nata dalla constatazione – che una unica metodologia di analisi sensoriale non sia
sufficiente a riconoscere in modo referenziale e determinante i valori e le qualità organolettiche e di presentazione che caratterizzano le diversità tecniche, produttive
e sostanziali dei due principali metodi – (classico e charmat) riconosciuti ufficialmente dalle leggi – per ottenere la presa di spuma dei vini.

IL MINISTRO ALLE POLITICHE AGRICOLE LUCA ZAIA SULLA «forza di filiera nazionale» DEL FORUM SPUMANTI D’ITALIA

Luca Zaia, ha tagliato il nastro del 4° Forum Spumanti d’Italia. Occasione per parlare del comparto spumantistico italiano, fiore all’occhiello della esportazione
agroalimentare nazionale.

«Lo spumante oggi non è solo il vino delle feste e delle ricorrenze, ma è un vino che sta affermandosi tutti i giorni, per qualità e specificità, ma
anche per modo di vivere e per scelta . I dati dell’Osservatorio Nazionale Economico Spumanti, che segnala per i primi 6 mesi del 2008 un incremento di fatturato all’estero
del 60%, sono la conferma che la strada della qualità che i nostri produttori hanno intrapreso è vincente. Il vino italiano rispecchia e racconta l’unicità
delle nostre regioni, i paesaggi, le tradizioni e le innovazione. E’ ben di più di qualcosa da bere. E’ il gusto del bello, del buono e del vivere italiano, che
incarna le varietà».

«Negli ultimi vent’anni sono state affinate le tecniche e abbiamo etichette che sono un vanto. Per questo il Forum Spumanti d’Italia di Valdobbiadene in provincia di
Treviso è un appuntamento importante che, in una regione che è fiore all’occhiello per la produzione vitivinicola nazionale, diventa una ulteriore opportunità
per gli operatori della filiera e per i consumatori di ampliare la cultura e la conoscenza dei nostri vini spumanti, di proporre nuovi contenuti e iniziative per puntare insieme sul
rafforzamento della filiera e sul potenziamento di un settore in continua crescita».

 

Leggi Anche
Scrivi un commento