Sky invece che Rai come servizio pubblico?

Sky invece che Rai come servizio pubblico?

Roma – Sky sostituisce la Rai come servizio pubblico? Sembra proprio di si perche’ il “Contratto di servizio” 2007-2009 (1), tra lo Stato e la Rai, all’articolo 26, prevede che “La Rai si
impegna a realizzare la cessione gratuita, e senza costi aggiuntivi per l’utente, della propria programmazione di servizio pubblico sulle diverse piattaforme distributive, compatibilmente con i
diritti dei terzi e fatti salvi gli specifici accordi commerciali”.

Il che significa che la Rai deve far accedere alla propria programmazione anche Sky. Con il fallimento della trattativa per continuare a collocare i programmi Rai su Sky, si viene meno al
rispetto del “Contratto di servizio”, oltre a produrre un danno da mancanza di introiti per circa 60 milioni di euro l’anno, tra cessazione dell’accordo e perdita della pubblicita’, ai quali ci
aggiungiamo la perdita di utenti. La Rai non consentira’ di vedere Sky mentre Sky consentira’ di vedere la Rai, senza ulteriori costi.

Con la “chiavetta” di Sky, infatti, ci si potra’ sintonizzare su tutti canali digitali terrestri per chi e’ in possesso di decoder Hd (Sky Hd o my Sky Hd) o con entrata Usb. Insomma, la funzione
di servizio pubblico la sta assumendo una emittente privata. Ci chiediamo, allora, una volta di piu’, a cosa serva pagare il canone alla Rai per un servizio pubblico che tale non e’?
A questo indirizzo la nostra campagna contro il canone Rai: https://tlc.aduc.it/rai/

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Leggi Anche
Scrivi un commento