Sicurezza nella Galleria Montenegrone: incontro in Prefettura

Bergamo – In vista dell’apertura al traffico della galleria Montenegrone e dell’ultimo tronco del raccordo Seriate-Nembro-Albino-Gazzaniga (prevista per lunedì 7, alle 11), questa
mattina si è tenuto in Prefettura un incontro sul piano di emergenza predisposto dalla Provincia di Bergamo, in caso di incidente in galleria.

Alla riunione erano presenti rappresentanti della Provincia, Prefettura, Anas, Comuni di Nembro e Seriate, Vigili del Fuoco, 118, Carabinieri, Polizia Stradale.
A ciascuno è stato distribuito il Piano contenente le previsioni e gli interventi da mettere in atto per superare le emergenze quali incidenti o incendi.

«Abbiamo inoltre chiesto alle forze dell’ordine – spiega l’assessore alla Viabilità, Valter Milesi – il costante pattugliamento della zona e la verifica della velocità di
percorrenza che non deve superare i 70 km/h. Non vogliamo in nessun modo che quella galleria di oltre 3 chilometri di lunghezza, possa diventare una pista per chi ama la velocità».

In tema di sicurezza, è in distribuzione, ed è stato pubblicato sul sito della Provincia (www.provincia.bergamo.it), un opuscolo informativo, contenente le misure comportamentali
da osservare in galleria: velocità, distanze di sicurezza, le cose da fare in caso di coda, incidente, guasto o incendio e i comportamenti aggiuntivi per i conducenti di mezzi pesanti e
bus.

«Anas e l’azienda che ha fatto i lavori, stanno completando la sistemazione degli impianti tecnologici in galleria che comporteranno notevoli risorse umane ed economiche per la loro
gestione – prosegue l’assessore Milesi -. A livello di impianti la galleria è uguale a quella del Monte Bianco».

All’interno della galleria, lunga 3.378 metri, sono state installate 92 telecamere, oltre a sensori e semafori. La telesorveglianza 24 ore 24 sull’intero tracciato e le installazioni per la
regolazione della circolazione in tempo reale consentiranno di agire sul flusso veicolare in modo tempestivo, garantendo sicurezza e prontezza d’intervento.

Leggi Anche
Scrivi un commento