Sicurezza, Federconsumatori difende i medici che rifiutano di denunciare gli immigrati irregolari

Sicurezza, Federconsumatori difende i medici che rifiutano di denunciare gli immigrati irregolari

 

“Riteniamo del tutto inaccettabili i provvedimenti sull’immigrazione contenuti nel Decreto Legge sulla sicurezza, come già ribadito in più occasioni”
– dichiara Rita Battaglia, Vice Presidente Federconsumatori.

Si tratta di misure lesive, non solo della dignità, ma anche dei più elementari diritti dell’uomo, a partire dal diritto alla salute, sancito dall’art. 32
della nostra Costituzione.

Questa misura alimenta, tra l’altro, il rischio di veder aumentare una pratica illegale ed abusiva, alla quale i “clandestini” dovranno ricorrere per evitare le
denunce, sottraendo al controllo della sanità pubblica le patologie diffusive emergenti che rappresentano un grave pericolo per ogni individuo e per l’intera società
e che oggi possono essere monitorate e controllate.

Siamo convinti che, per contrastare queste norme discriminatorie e razziste, sia necessario agire con determinazione. È per questo che la Federconsumatori mette a disposizione i
propri legali, in maniera totalmente gratuita, a tutti quei medici che subissero sanzioni per non aver ottemperato all’obbligo di denuncia nei confronti degli immigrati privi del
permesso di soggiorno, così come previsto dal Decreto in discussione.

Stiamo inoltre valutando, con la Consulta Giuridica della nostra associazione, se ci sono i presupposti per definire queste misure come un attentato alla salute pubblica.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento