Siamo liberi in un Paese libero? Mah! Si può dire ciò che si vuole, tanto nessuno ascolta

Siamo liberi in un Paese libero? Mah! Si può dire ciò che si vuole, tanto nessuno ascolta

15 febbraio 2011
Riprendiamo questo articolo e vi consigliamo di leggerlo bene, senza fare commenti.
Poi andate davanti ad uno specchio e chiedetevi se state sognando.
Rileggete l’articolo a firma
Vincenzo Donvito e datevi un pizzicotto.
Tornate davanti allo specchio e chiedetevi in che razza di mondo stiamo vivendo.
Se saprete darvi una risposta logica, vincerete un mongolino d’oro.
Giuseppe Danielli
Newsfood.com

Firenze – Esiste un principio nel nostro ordinamento giuridico che gli esperti del settore indicano come “nemo tenetur se detegere” , una locuzione latina che esprime il principio di diritto
processuale penale, grazie al quale nessuno puo’ essere obbligato ad autodenunciarsi. L’ordinamento giuridico, a fronte di diversi interessi, privilegia la liberta’ personale e non la repressione
di un reato. Nel contempo, nel nostro ordinamento e’ prevista l’obbligatorieta’ dell’azione penale.

Qualcosa non torna, siamo in un sistema schizofrenico. L’individuo e’ libero di fronte alla giustizia, ma non lo e’ piu’ quando, da giudice, deve decidere se ci sono i presupposti o meno per
usarla: non puo’ decidere l’irrilevanza dell’avvio di un procedimento ma come “servitore dello Stato” deve comunque avviarlo e solo dopo puo’ intervenire per dimostrare questa irrilevanza.

Non puo’ essere considerato soggetto responsabile davanti alla Giustizia al pari di chi non e’ costretto ad autodenunciarsi: la repres  sione di un reato, da questo lato, e’ privilegiata
rispetto alla liberta’ e alla responsabilita’ personale. La liberta’ non e’ uguale per tutti.  Mah! Prendo una multa per violazione del codice della strada e la notifica mi viene fatta da
un’azienda privata con cui il Comune ha un contratto. Il codice e’ vago.

La Corte di Cassazione e il Tribunale Amministrativo regionale, con diverse sfaccettature, hanno sentenziato in alcuni casi che questa azienda non puo’ fare le notifiche, ma il ministero
dell’Interno dice che e’ possibile; un giudice di pace e’ d’accordo con il Tar e probabilmente il Comune fara’ ricorso sperando che il giudice d’appello segua il ministero e non gli altri
tribunali (1).

La legge, intesa come riferimento per il quieto vivere e non come un gioco d’azzardo, non e’ uguale per tutti. Mah! Mi nasce un figlio e la parrocchia vicina invia al mio indirizzo un invito a
recarmi presso di loro per godere dei loro servizi religiosi. Dove hanno preso il mio indirizzo? La legge sulla Privacy indica esplicitamente che per inviarmi qualcosa a casa c’e’ bisogno che io
dia un consenso. Ricorro al Garante e mi da’ ragione. Chi ha torto si appella al tribunale e quest’ultimo gli da’ ragione (2). Anche se le norme non sono ambigue, ora dovra’ decidere la
Cassazione e pende una interrogazione parlamentare (3).

La legge, anche qui, non e’ uguale per tutti. Mah! Mi arriva la bolletta del telefono e ci sono 49 euro per la disdetta di un servizio che le norme, invece, prevedono che sia senza penali.
Telefono al gestore e riesco a parlarci solo dopo giorni e giorni di tentativi con cancelletti, numeri, “attenda” e cascate della linea di cui ho perso il conto…. e mi dice che ho torto io e
ragione lui. Faccio la messa in mora con raccomandata A/R e non vengo considerato. Vado all’ufficio di conciliazione del Corecom e il gestore non si presenta.

Ora dovrei portarlo davanti ad un giudice… per 49 euro…. e se questo giudice usa la sua liberta’ come sopra, cioe’ applicando la legge come crede e ignorando i dettami precisi? Perche’ le
autorita’ preposte non intervengono a fronte delle migliaia di segnalazioni in merito? Oppure intervengono multando questi gestori con pochi spiccioli (che a questi ultimi conviene spendere,
visto che sono quattro gatti gli utenti che li portano in giudizio)?

Nel momento in cui si consente di delinquere in continuazione, la legge non e’ uguale per tutti. Mah! Ci fermiamo qui. Crediamo di aver reso il concetto e la pratica, che tutti subiamo
quotidianamente.

E’ questo un Paese libero? Cioe’ sono liberi i cittadini di essere se stessi senza che arrivi un qualcun altro che, piu’ libero di lui magari anche in forza della legge, gli leva la sua liberta’?
E quale liberta’ hanno i cittadini quando questa schizofrenia civica e’ vissuta anche dai giudici?

  1. qui un caso specifico: multe violazione cds confusione incertezza_16487.php
  2. qui il caso: spam garante della privacy tribunale_15083.php
  3. spam garante tribunale spianano strada al_15108.php

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Leggi Anche
Scrivi un commento