Si chiude il sipario a Cibus 2010: “Sì, è vera gloria”!

Si chiude il sipario a Cibus 2010: “Sì, è vera gloria”!

“Questo successo – hanno commentato i vertici di Fiere di Parma – deriva da tre fattori: il primo è che Parma non ha mai abdicato alla sua vocazione agroalimentare, nonostante le sirene
della new economy e della finanza creativa; il secondo è che Cibus, sin dagli anni Novanta, ha assunto caratteristiche spiccatamente professionali rivolgendosi alla Distribuzione Moderna
prima italiana e adesso mondiale; ed infine, nell’ultimo anno, la pianificazione marketing della Fiera è stata di fatto gestita da una cabina di regia composta dalle aziende espositrici,
dalle multinazionali alle microimprese, che conoscono meglio le esigenze dei principali mercati esteri”.

E’ normale, dopo una manifestazione fieristica in cui si è stati ospiti, parlare bene della stessa, è normale e doveroso ringraziare  pubblicamente gli
organizzatori anche se l’evento non ha proprio soddisfatto le aspettative.

Nel caso di Cibus 2010 non dobbiamo fare proprio nessuno sforzo per “gonfiare”  i numeri e/o palesare un successo irreale.
E’ la prima volta che Cibus invita Newsfood.com+WebTV , ci ha ospitato con uno stand (ma in realtà la nostra postazione è stata l’Ufficio Stampa ed i corridoi dei padiglioni
che abbiamo battuto nei quattro giorni della manifestazione).

Abbiamo avuto modo di vivere Cibus 2010 parlando con espositori, visitatori e buyers (tanti, grazie ad un programma mirato che Cibus e ICE hanno realizzato con grande intelligenza: “se
Maometto non va alla montagna, la montagna bisogna portarla a Maometto”). Ed i risultati si sono visti.

Espositori euforici, visitatori tanti, professionali ed interessati.
Abbiamo anche realizzato diverse video-interviste: tutti concordi, è stato un grande successo! Un successo vero che fa ben sperare per la ripresa della nostra economia. E fa ben sperare
una ripresa dei consumi del Made in Italy anche in vista dell’Expo 2015 che porterà in Italia milioni di appassionati. Ma miliardi saranno gli occhi puntati sul nostro stivale
enogastronomico.

Per Newsfood.com Cibus è stata anche un’occasione per realizzare lo “Speciale Celiachia” che vede coinvolte le aziende presenti nel Prontuario degli Alimenti 2010, realizzato e
distribuito dalla nostra casa Editrice per conto dell’Associazione Italiana Celiachia, ma anche enti ed istituzioni attenti alla salute dei consumatori.

Ecco una carrellata delle persone intervistate:
Paolo De Castro ( Parlamento Europeo), Riccardo Garosci (Consigliere del Ministro Gelmini), Franco Boni (presidente Fierediparma), Giuseppe Alai (Presidente del Consorzio Formaggio Parmigiano
Reggiano), Guido Magnoni (Area Agro-alimentare ICE), Giuseppe Giove (Comandante Regionale Emilia Romagna Corpo Forestale dello Stato), Michela Petronio (Barilla), Walter Brunello (Presidente
Buonitalia), Luca Cesari (Direzione Vendite DO Dr. Schar), Giovanni Criscuoli (Presidente Ordine dei Tecnologi Alimentari, Maria Virginia Scotti (Brand Manager Pandea), Carlo Giordano
(Ginseng-Aralia), Marco Aridante (Direzione Vendite Bauer), Paolo Fulgente (chef), Luca Barbieri (Chef), Emanuele Rossi (vice presidente OTA Emilia Romagna), Serena Pironi (Esperta Celiachia
Emilia Romagna), Luca Giavi (Consiglier AICIG), ….e tanti altri.

Il responso di tutti su Cibus 2010 è stato: “Promossa a pieni voti”.
Ringraziamo il dott. Cellie, Amministratore delegato di FierediParma, grande regista e fautore incontrastato del successo della manifestazione. E’ l’uomo che ama poco apparire, è l’uomo
del fare.
Giuseppe Danielli

Ecco il comunicato di chiusura emesso dall’Ufficio Stampa (Marco Fanini ed Anna Feola, instancabili e sempre pronti):
Parma –  Si è chiusa oggi a Parma la 15° edizione di Cibus, Il Salone Internazionale dell’Alimentazione. Nel tracciare un bilancio della manifestazione, i vertici di Fiere
di Parma hanno annunciato un nuovo appuntamento di cerniera rispetto alla 16°edizione di Cibus nel 2012: Cibus Tour, una manifestazione che si terrà a Parma dal 14 al 17 aprile.
Cibus 2010 ha fatto registrare l’affluenza di circa 60 mila visitatori, con un aumento esponenziale degli operatori esteri, facendo registrare grande soddisfazione sia tra le aziende espositrici
sia tra i buyer.

“Questo successo – hanno commentato i vertici di Fiere di Parma – deriva da tre fattori: il primo è che Parma non ha mai abdicato alla sua vocazione agroalimentare, nonostante le sirene
della new economy e della finanza creativa; il secondo è che Cibus, sin dagli anni Novanta, ha assunto caratteristiche spiccatamente professionali rivolgendosi alla Distribuzione Moderna
prima italiana e adesso mondiale; ed infine, nell’ultimo anno, la pianificazione marketing della Fiera è stata di fatto gestita da una cabina di regia composta dalle aziende espositrici,
dalle multinazionali alle microimprese, che conoscono meglio le esigenze dei principali mercati esteri”.
I vertici di Fiere di Parma hanno anche annunciato le date di CIBUS 2012 e una nuova manifestazione, “Cibus Tour 2011”, così chiamata perché intende portare un pubblico di
professionisti e appassionati in un viaggio ideale attraverso i sapori, i saperi e la salute del Food made in italy. A Cibus Tour saranno di scena le medie e grandi aziende con proposte
innovative, le collettive Regionali e Locali che potranno dare spazio alle eccellenze del territorio, i prodotti biologici ed infine i Nutriceuticals di Pianeta Nutrizione.

Nell’ultima giornata di Cibus 2010 si è tenuto un convegno intitolato “Tecnologie Alimentari e la sfida alla complessità delle produzioni agro-alimentari: sostenibilità
economica, ambientale e sociale”, organizzato dall’Ordine dei Tecnologi Alimentari. Tra i relatori l’On. Riccardo Garosci, Consigliere del Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, che ha
presentato il programma Scuola e Cibo per l’educazione alimentare che si svolgerà nelle classi 4° e 5° elementari. Garosci ha spiegato che l’educazione alimentare nelle scuole
ruoterà su tre elementi: la sicurezza alimentare, la qualità e la sostenibilità.
Cibus.it

Redazione Newsfood.com+WebTV

Leggi Anche
Scrivi un commento