Scoperta in Austria la prigione del padre-padrone

Ha rotto il silenzio in cui si era chiuso, il padre 73enne della donna che ieri in Austria ha denunciato l’incredibile storia di violenza e segregazione. L’uomo, accusato dalla polizia di
incesto e sequestro di persona, ha permesso agli agenti di scoprire la prigione ricavata nella sua cantina nella cittadina di Amstetten.

Attraverso una porta azionata da un circuito elettrico, la polizia ha scoperto il luogo dove per 24 anni si sono consumate le violenze del padre-padrone, dando così corpo alle accuse
della figlia, oggi una donna di 42 anni. Dei sette figli avuti, uno morì subito dopo il parto, tre rimasero prigionieri con la madre mentre gli altri furono adottati dalla nonna, che ha
dichiarato di non essersi mai accorta di nulla. Sui sei figli sarà effettuato l’esame del dna.

Leggi Anche
Scrivi un commento