Scioperi, Solari (Cgil): il governo non impedisca la manifestazione del dissenso

Scioperi, Solari (Cgil): il governo non impedisca la manifestazione del dissenso

 

Roma – “Mi auguro che a guidare l’iniziativa del governo sul diritto di sciopero non sia, dopo aver favorito la rottura del sindacato, il tentativo di impedire
che il dissenso possa manifestarsi”. Lo afferma il segretario confederale della Cgil, Fabrizio Solari, in merito al ddl delega del governo sulla riforma del diritto di sciopero.

“Vale la pena ricordare – continua – che la legge attualmente in vigore è la più severa d’Europa. Ed è una legge osservata, visto che le contestazioni
della commissione di Garanzia non vanno oltre lo 0,7% delle azioni di sciopero”.

Per Solari, “la via della iperegolamentazione non ha impedito che si verificassero problemi, soprattutto nel settore dei trasporti, anche se i casi più clamorosi, come per
la vertenza dei tassisti e dell’autotrasporto merci, non sono riconducibili al lavoro dipendente. Discutere allo scopo di affrontare queste criticità è
senz’altro possibile, debordare avrebbe un altro senso”.

Sull’uso della legge delega, il dirigente sindacale della Cgil dice: “Non credo sia lo strumento più appropriato per affrontare temi di rilevanza costituzionale come
il diritto di sciopero, è bene che il Parlamento sia investito in prima persona e che ci sia la possibilità di discuterne con tutte le forze sociali con la dovuta
pacatezza e serietà”. Infine, conclude Solari, “un ammodernamento delle regole dovrebbe riguardare anche i comportamenti delle imprese erogatrici dei servizi, e
potrebbero essere basate sulla prevenzione del conflitto. A questo scopo non sarebbe indifferente una normativa sulla rappresentanza sindacale e sulla democrazia di mandato”.

Leggi Anche
Scrivi un commento