L’appello di Confagricoltura a Berlusconi: misure anticrisi anche per l’agricoltura

 

Il presidente di Confagricoltura Federico Vecchioni ha inviato un circostanziato documento al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, sollecitando specifiche misure anticrisi per
l’agricoltura e chiedendo un incontro urgente per illustrare la situazione e le richieste dell’Organizzazione degli imprenditori agricoli.

“Confagricoltura – ha detto il presidente, intervenendo oggi ad Avezzano ad un convegno degli agricoltori di L’Aquila – è convinta che la politica possa e debba
dedicare tutto il suo impegno per comprendere l’entità della crisi e contrastarla. Per questo gli agricoltori di tutta Italia si mobilitano”.

“L’agricoltura, più di altri comparti, ha bisogno di certezze di riferimento per programmare al meglio investimenti e strategie produttive – ha sottolineato il
presidente della Confagricoltura ad Avezzano -. Il settore non gode della flessibilità di altri; non può interrompere la produzione, non può sospendere le
lavorazioni, non può rinviare i raccolti”.

Confagricoltura ha evidenziato l’entità della crisi che pesa sul settore primario: costi di produzione in crescita; prezzi all’origine dei prodotti fermi; domanda
agroalimentare rigida; consumi domestici ed extradomestici in flessione. Nonostante tutto, l’agricoltura produce, garantisce sicurezza e qualità alimentare, offre ambiente
ed energia.

L’Organizzazione degli imprenditori agricoli ha indicato al governo le priorità da affrontare:

• quote latte: una legge che non penalizzi i produttori onesti, favorendo chi non ha rispettato le regole;
• previdenza: una garanzia per l’agricoltura nelle zone montane e svantaggiate;
• assicurazioni: il fondo di solidarietà nazionale contro le calamità naturali.

Inoltre ha sollecitato: interventi per fronteggiare la difficile congiuntura di mercato; attenzioni specifiche per cereali, carni, olio d’oliva, tabacco; snellimento
istituzionale; semplificazione ed efficienza burocratica; sviluppo delle energie rinnovabili.

Nel documento inviato alla presidenza del Consiglio, Confagricoltura ha posto in evidenza il ruolo “di centralità” del settore “primario”
nell’economia e nel Paese. L’agricoltura crea indotto, è volano delle filiere, è motore dell’export, realizza l’eccellenza alimentare, punta
all’innovazione. “Nelle nostre imprese – ha ricordato Federico Vecchioni – lavora un milione di persone”.

Il presidente Vecchioni comprendendo il malessere diffuso nel territorio, ha assicurato il sostegno a tutte le iniziative che, con modalità diverse si svolgeranno nei prossimi
giorni in molte regioni, dal Nord al Sud Italia. “Non sono iniziative contro il Governo – ha detto -. Sono azioni di tutela legittima degli interessi di un mondo produttivo che
merita la dovuta attenzione”.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento