Saltare il pasto e mangiare fuori casa. Così si ingrassa

Saltare il pasto e mangiare fuori casa. Così si ingrassa

Si sa: una dieta ha le sue regole, necessarie affinchè chi la segua possa dimagrire. Se queste non vengono seguite, il soggetto riprende il peso precedente, arrivando a volte ad
ingrassare.

Proprio alle trasgressioni pericolose è dedicata la ricerca della Concordia University of Montreal (Canada), diretta dalla dottoressa Sunday Azagba e pubblicata sul “Journal of Primary
Care”.

Gli studiosi si sono appoggiati al Canadian National Population Health Survey, esaminando così i dati della popolazione adulta canadese dai 18 ai 65 anni. Ad un osservazione preliminare
è emerso come il 25% dsei cittadini eccedeva con il quantitativo giornaliero di grassi.

In un secondo tempo, la squadra della Concordia è focalizzata sulle cattive abitudini.

La prima trasgressione fatale è saltare il pasto. Si evita un pasto definito superfluo (magari la colazione, o la cena) per assumere meno cibo. Purtroppo, la fame prende il sopravvento e
si consuma lo stesso, magari spuntini a base di junk food.

La seconda è il pasto fuori casa: le esigenze sociali e di lavoro spingono sempre più persone a mangiare fuori, magari di fretta. Risultato, si consumano cibi pronti, industriali
e fast food che, come spiega la dottoressa Azagba, “Sono anche quelli più ricchi di grasso”. A peggiorare la situazione, il meccanismo di causa-effetto per cui chi consuma gli alimenti
in questione mangia meno frutta e verdura.

FONTE: Sunday Azagba and Mesbah F. Sharaf,Eating Behavior and Obesity in Canada: Evidence From Panel Data, Journal of Primary Care & Community Health, January 2012; vol. 3, 1: pp.
57-64., first published on September 1, 2011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento