(Vedi altri articoli e video: Romano Levi)

Beppe Orsini l’ho conosciuto a Neive in occasione di questo 73° Fiammifero alla Distilleria Romano Levi.

Sapevo che era un personaggio unico, che conosceva tutto e tutti delle Langhe e del Monferrato, ma non avevo mai avuto modo di incontrarlo. E’ anche giornalista, di quelli veri e schietti come la Barbera di Giacomo Bologna, come la grappa e le etichette a mano che faceva Romano Levi. Ha scritto tre libri su di lui.

Nella video intervista racconta la vera storia di Romano Levi, e qualche aneddoto: di quando prese la patente, delle civette portafortuna, del passaggio pedonale riservato alle formiche…

Per conoscere meglio Beppe Orsini leggi queste poche righe, e poi leggi tutto il suo articolo… ne vale proprio la pena:

Anviagi 145, Del bello e del buono

Beppe Orsini25 luglio 2014
Giacomo Bologna
Storia di un uomo che non doveva morire

“Ci sono delle persone per cui Dio avrebbe dovuto fare delle eccezioni e non obbligarli a morire come tutti gli altri essere umani ma, a vantaggio dell’umanità intera, mantenerli nel loro peso forma, intorno ai 150-160 kg” (Bruno Lauzi)

Ho conosciuto Giacomo Bologna, in arte “Braida”, nel 1966.

Mi ero da poco trasferito da Castellazzo Bormida ad Asti per lavoro. La Provincia del Grappolo mi intrigò da subito e fu così che decisi di avvicinarmi professionalmente al vino. A quei tempi c’erano un’infinità di corsi alla Scuola Agraria di Asti: potatore, assaggiatore, cantiniere etc. Io me li feci tutti di sera a ore perse.

(da Anviagi.it … leggi tutto)

 

 

Giuseppe Danielli
Direttore e Fondatore Newsfood.com