Roma: Si apre uno spiraglio sulla vertenza dello zuccherificio del Molise Spa

Roma – Un incontro definito “importante”, quello che si è tenuto oggi, al ministero delle Politiche Agricole sullo zuccherificio del Molise spa, tra i vertici del
ministero, le Regioni Molise e Puglia, Finbieticola e i dirigenti di Zuccherificio del Molise spa. “La riunione di oggi è stata molto importante per continuare a far vivere
questo zuccherificio – ha detto il ministro Zaia in una nota – si dovrebbero dirottare quote di produzione da altre regioni, sarà necessaria una concertazione tra i portatori di
interesse: industriali e le regioni coinvolte”.

Nel corso dell’incontro, il Consiglio Regionale del Molise si é espresso a favore della continuità dell’attività dello zuccherificio, mentre la Regione Puglia deve
ancora formalizzare a livello politico il consenso. Per la stagione bieticola 2008, lo Zuccherificio del Molise spa ha ritenuto di confermare la continuità dell’attività e
permettere agli agricoltori di procedere con la semina. Saranno necessari ulteriori approfondimenti tra il ministro Zaia e i governatori di Puglia, Nichi Vendola, e Molise, Michele
Iorio, “per definire le strategie politiche – si legge nella nota del ministero – alla luce delle compatibilità giuridiche a livello comunitario e nazionale”.

“Si apre una prospettiva per lo zuccherificio del Molise”. Lo afferma Sergio Retini, Segretario nazionale della Fai Cisl, a margine dell’incontro tenutosi al Ministero dell’Agricoltura.
“La determinazione espressa dal Governatore della Regione Molise di voler proseguire l’attività – precisa Retini – ha riaperto la possibilità di un rilancio della
bieticoltura del Meridione”. “Per passare dalle parole ai fatti – conclude Retini – serve però un piano di sviluppo credibile con attività integrative allo zuccherificio.
Chiederemo, quindi al più presto un incontro alla proprietà pubblica e privata per approfondirne gli aspetti e sostenerne la realizzazione”.

“Cauta soddisfazione per la scongiurata chiusura dello zuccherificio di Termoli” è stata espressa dal senatore Alfonso Andria , Ministro ombra Pd per l’agricoltura e dai senatori
Leana Pignedoli, Paolo De Castro e Colomba Mongiello. “Siamo soddisfatti – precisa Andria – perché l’allarme ripetutamente lanciato dalle istituzioni regionali e locali, dal
settore bieticolo-saccarifero, dalle organizzazioni professionali e sindacali è stato raccolto.

Il Pd lo aveva fatto proprio ed aveva investito della questione il Ministro Zaia fin dai primi di settembre. Più recentemente aveva presentato una interrogazione al riguardo”.
“Anche attraverso la Finanziaria, da martedì all’esame del Senato, abbiamo riproposto il problema. Il Governo accolga – conclude Andria – il nostro emendamento teso al
rifinanziamento, in misura di 40 milioni di euro, del Fondo nazionale relativo al settore bieticolo-saccarifero”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento