Roma: 1.500 kg di arance rossa di Sicilia Igp arrivate a Montecitorio

Roma – L’arancia rossa di Sicilia non è solo un frutto, ma un patrimonio della salute. Accompagnato da questo slogan, è arrivato a Roma a palazzo Montecitorio
un carico di 1.500 chili di arance rosse provenienti dalle campagne siciliane. Il prodotto, che detiene il marchio Igp (Indicazione Geografica Protetta), è sbarcato accompagnato
da macchine spremiagrumi e piattini per essere servito a parlamentari e giornalisti sotto forma di succo o sbucciato e affettato nella bouvette del parlamento.

La degustazione è stato il prologo di una conferenza stampa organizzata dalla Camera dei deputati e alla quale hanno partecipato i presidenti delle Commissioni “Affari
Sociali” e “Agricoltura”, Giuseppe Palumbo e Paolo Russo, l’assessore regionale all’Agricoltura Giovanni La Via, il presidente della Provincia Regionale di
Catania Giuseppe Castiglione, il presidente del Consorzio di tutela “Arancia Rossa di Sicilia” Alessandro Scuderi e il nutrizionista Giorgio Calabrese.

“L’arancia rossa di Sicilia – ha detto l’assessore La Via – è un prodotto unico con caratteristiche eccezionali. Un prodotto come questo, che fa bene alla
salute, non può essere paragonato con altri della concorrenza. Non possiamo competere per la quantità, ma per la qualità. E’ vero costano di più, ma
perché valgono di più. Proprio per questo motivo, la Regione ha avviato diverse azioni di sensibilizzazione per fare conoscere sempre di più e meglio la nostra
arancia rossa”.

L’iniziativa è stata promossa per la tutela del prodotto, per fornire informazioni sulla sua distribuzione e soprattutto per rendere note le straordinarie proprietà
dell’arancia rossa siciliana, che recenti pubblicazioni scientifiche illustrate dimostrano straordinario deterrente contro le sostanze grasse ingerite, e quindi prodotto
consigliato in tutte le diete e coadiuvante alimentare nella prevenzione dei tumori. “Molte volte – ha aggiunto Giorgio Calabrese – si scambia il cibo con un farmaco. Il cibo non
serve a curare, ma a prevenire e mangiando le arance rosse di Sicilia sicuramente si possono prevenire tutta una serie di patologie tumorali”.

Di produzione eccellente della nostra terra ha parlato il presidente della Provincia regionale di Catania, Giuseppe Castiglione, che da europarlamentare e componente della Commissione
Agricoltura a Bruxelles ha seguito da vicino la riforma dell’Ocm (Organizzazione comune di mercato) dell’ortofrutta. “L’Arancia rossa di Sicilia – ha spiegato –
è un modello da promuovere ed esportare. Con questo prodotto si promuove un’impresa territoriale”.

Leggi Anche
Scrivi un commento