Riunita oggi l'assemblea societaria di Fidi Toscana

Firenze – «Per la Regione Toscana l’opportunità di aumentare a 87milioni euro il capitale sociale di Fidi Toscana riveste un’importanza e una rilevanza strategica, la stessa
da sempre attribuita alla società, il cui compito è quello di sostenere la crescita delle piccole-medie imprese toscane favorendone l’accesso al credito».

L’assessore regionale a bilancio e finanze, Giuseppe Bertolucci, ha così voluto sottolineare, nel suo intervento all’odierna assemblea societaria, il ruolo centrale attribuito a Fidi
all’interno del sistema regionale delle garanzie «come un importante soggetto a supporto della realizzazione delle politiche regionali di intervento a sostegno delle imprese
toscane».

La Regione ha espresso secondo Bertolucci in ogni occasione la propria disponibilità alla crescita ed al rafforzamento patrimoniale di Fidi Toscana, fino a mettere a disposizione le
risorse necessarie con un apposito stanziamento nel bilancio 2007, pari a circa 6 milioni di euro. Si tratta peraltro di un impegno comune dei principali soci di Fidi Toscana, sottoposto alla
valutazione di specifici piani industriali della Società, così come formalizzato nel Protocollo di Intesa sottoscritto tra Regione e banche nell’aprile 2006.

«Grazie a questo aumento di capitale, la società avrà le risorse necessarie per consolidare ed ampliare il proprio supporto alle politiche regionali di aiuto alle imprese
toscane, mediante la progressiva introduzione della garanzia a prima richiesta, il rafforzamento del ruolo di “consulente” di impresa e, infine, il potenziamento dell’assunzione di capitale di
rischio nelle piccole e medie aziende toscane.» Fidi Toscana sarà così in grado di affrontare, a giudizio dell’assessore, le sfide descritte nel proprio Piano strategico
2007-2009 che la Regione ha esaminato ed apprezzato per lo sforzo di innovazione e per gli obiettivi di qualità che si prefigge, consentendo alla società di coniugare gli
obiettivi di crescita, di solidità patrimoniale e di miglioramento del proprio rating, con la qualità delle prestazioni ed un maggior orientamento al mercato.

Dario Rossi

Leggi Anche
Scrivi un commento