Risparmio: la boutique della filiera corta a Sesto Fiorentino

Risparmio: la boutique della filiera corta a Sesto Fiorentino

C’è le “Fabbrie” di Arezzo con il suo formaggio pecorino e la ricotta freschissima, gli ortaggi ancora bagnati dalla rugiada della fiorentina “Cammelli”, della pratese Colzi, e della
biologica di Rodolfo Kasseroler, e ancora la pasta e i cereali dell’azienda il “Farnetino” di Vicchio e la carne mugellana, una vera prelibatezza a “km zero” della cooperativa agricola
Firenzuola.

Sono le facce dell’agricoltura che danno vita, ogni venerdì, al primo farmer’s market di Sesto Fiorentino firmato da Campagna Amica-Coldiretti )
promosso dall’associazione Agrimercato e ospitato all’interno del Consorzio Agrario di Firenze (in via dell’Osmannoro, 238 a Sesto Fiorentino. Apertura dalle 8 alle 12).

Una vera e propria boutique della filiera corta dove risparmio e qualità vanno a braccetto (con la possibilità di risparmiare fino al 30%) grazie al taglio delle intermediazioni e
alla sicurezza di mettere sul piatto prodotti tracciati, garantiti dal punto di vista sanitario-alimentare ed ecosostenibile.

In vetrina, pronti per essere acquistati, i prodotti tipici e tradizionali a “km zero”: dalla frutta e verdura di stagione, all’olio e al vino, dalle confetture miste ai salumi e tutti i prodotti
agricoli locali. Ecco le altre aziende che aderiscono al mercato con i loro prodotti:

“La Casina Gialla” di Rufina (miele e frutta)
Sanna Marco di Vicchio (formaggi)
Nicoletta Baggiani di Vicchio (ortofrutta)
“Gli Orti” di Castelfiorentino (ortaggi)
“La Torraccia” di Reggello (formaggi)
Sergio Zanieri di Vicchio (pesche)
“Fattoria Le Ginestre” di Carmignano (vino e olio)
Giovanna Bacciotti di Scarperia (formaggio, ricotta, uova, aglio e cipolle)
Giovannino Nieddu di San Casciano (pecorino fresco e stagionato)
Apicoltura Betti di Montevarchi (miele)

Leggi Anche
Scrivi un commento