Rimini. 2,81 metri per 70 chili: ecco il cono gelato da Guinness

Rimini. 2,81 metri per 70 chili: ecco il cono gelato da Guinness

A Rimini, il gelato è d’eccellenza, anzi da record. Al Sigep (Salone internazionale della gelateria, pasticceria e panificazione artigianali, ospitato da Rimini Fiera fino a
mercoledì) è stato creato un cono gelato meritevole di entrare nel Guinness World Records.

L’impresa è merito di una squadra in grado di unire quantità e qualità. Al comando Mirco Della Vecchia, maestro cioccolatiere che ha nel suo palmares il Guinness della
scultura di cioccolato più grande del mondo 4.870 chili) e la moka da 1000 caffè. Egli ha diretto sette artigiani gelatieri, selezionati dalla Cna alimentare, e cioccolatieri
provenienti dalla Fine chocolate organization.

Il lavoro è durato sette ore ed ha richiesto materia prima fuori misura. D’altronde le cifre parlano chiaro: il gelato finito è lungo 2,81 metri, con un peso di circa 70 Kg. 
Il cono è composto da 2.000 cialde e da 700 Kg di cioccolato bianco. All’interno, latte fresco, poi panna, mascarpone, guarnizione all’amarena e rinforzo aromatico, tutto offerto da
Fabbri di Bologna.

Il cono fuori misura (ora inserito in una cella frigo ad hoc) è stato giudicato e premiato da Lucia Sinigagliesi, giudice italiana con base a Londra e responsabile del Guinness dei
primati per l’Europa, con il titolo di cono più alto del mondo.

Ma Rimini non è solo il super cono: la città romagnola ha visto l’inizio del campionato mondiale juniores di pasticceria.

A misurarsi, dieci squadre di pasticceri under 23 di Brasile, Francia, Marocco, Messico, Singapore, Stati Uniti, Sudafrica, Corea del Sud, Svizzera e Italia. Tema della manifestazione e delle
creazioni in gara, “Le emozioni della natura”. Il risultato finale sarà deciso dai 6 prove: quiz-dessert al bicchiere, preparazione artistica in zucchero, monoporzioni gelato al
caffè, presentazione artistica in zucchero e realizzazione di cioccolatini.

I migliori si aggiudicheranno il premio di 15.000 euro, assegnato da una giuria presieduta da Giovanni Pina, presidente dell’Accademia maestri pasticceri italiani.

La competizione nasce su idea ed iniziativa di Roberto Rinaldini, noto e pluripremiato pasticciere riminese, in collaborazione con Rimini Fiera.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento