Rifiuti: i cittadini devono riavere indietro 1 miliardo di euro

«Un decreto legge urgente per restituire ai cittadini campani quanto versato per l’imposta smaltimento rifiuti negli ultimi 2 anni» lo chiede oggi il Codacons al Presidente del
Consiglio, Romano Prodi e al Ministro per lo sviluppo economico, Pierluigi Bersani.

Alla luce dell’emergenza rifiuti in Campania – spiega il Codacons – appare chiaro come un indennizzo debba necessariamente essere previsto per i cittadini residenti, cui è stato
sottratto circa 1 miliardo di euro negli ultimi due anni per il servizio di smaltimento rifiuti. Se ciò non avverrà, avvieremo nei confronti dello Stato e degli enti locali una
class action in favore dei cittadini campani, per far riavere loro il maltolto.

«La vera vergogna non sono i sacchi di immondizia per le strade – afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – ma lo scaricabarile dei nostri governanti, che prima ci hanno massacrato
consentendo stangate a destra e a manca, e ora ci sommergono di rifiuti. Addirittura Prodi finge solo ora di accorgersi del problema, mentre Pecoraro Scanio attribuisce il blocco dei
termovalorizzatori all’intervento della magistratura, quando a Civitavecchia è stata costruita con la complicità delle istituzioni locali e nazionali una centrale a carbone
nonostante fosse altamente inquinante e nonostante il parere contrario della popolazione».
«Il nostro Presidente del consiglio, e gli attuali ministri in carica, se vogliono davvero tutelare gli interessi dei cittadini, dovrebbero prendere esempio dai governi dei paesi in via
di sviluppo, ad esempio il Messico, dove esiste addirittura una Procura Federale dei Consumatori (Profeco) che, a differenza del nostro Mister Prezzi, gode di poteri concreti, e per gli abusi
sui prezzi sta emanando sanzioni da 350.000 a 2 milioni di pesos. A differenza del nostro paese in Messico le reazioni ai rincari da parte del Governo sono fortissime – conclude Rienzi – e
aumenti ingiustificati dei prezzi della tortilla, paragonabile al nostro pane, sono impensabili, e lo stesso vale per benzina e gasolio».

Leggi Anche
Scrivi un commento