Rifiuti, Coldiretti: «serve piano di bonifica territorio»

Occorre togliere i rifiuti dalle strade e avviare concretamente un piano strutturale di bonifica del territorio per uscire definitivamente da una emergenza che rischia di provocare nel 2008
danni di immagine sul Made in Italy stimabili nella perdita di mezzo punto percentuale di Prodotto Interno Lordo (PIL).

E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare il via libera della Commissione europea al deferimento dell’Italia davanti alla Corte di giustizia del Lussemburgo per la questione dei rifiuti a
Napoli e in Campania.

Ad essere stati maggiormente danneggiati sono stati il turismo e il Made in Italy agroalimentare che – sottolinea la Coldiretti – è un patrimonio nazionale costruito nel tempo da
generazioni di imprese agricole che svolge nel mondo un ruolo da traino per l’intero sistema economico e va difeso senza esitazione da situazioni che ne compromettono l’immagine in Italia e nel
mondo.

Si deve quindi uscire dall’emergenza – precisa la Coldiretti – con un piano strutturale che provveda a rimuovere al piu’ presto la spazzatura dalle strade delle città, ma anche a
valorizzare le campagne intervenendo in modo strutturale con un piano di bonifica e riqualificazione del territorio e del paesaggio messo a rischio dalla cattiva gestione ambientale.

L’agroalimentare Made in Italy – conclude la Coldiretti – è il secondo settore nella formazione a livello nazionale del prodotto interna lordo mentre l’agricoltura italiana è
prima in Europa per valore aggiunto e detiene la leadership comunitaria nella qualità con il maggior numero di prodotti a denominazione di origine riconosciuti (169).

Leggi Anche
Scrivi un commento