Rifiuti, Bramerini: «Almeno sui numeri, evitiamo le discussioni»

Firenze – «Almeno sui numeri, evitiamo le discussioni, gli unici dati ufficiali sulla situazione dei rifiuti in Toscana sono quelli forniti dalla Regione e ottenuti attraverso il
controllo dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpat) e dell’Agenzia regionale recupero risorse (Arrr), che gestiscono l’Osservatorio regionale sui rifiuti».

Così l’assessore alla tutela dell’ambiente Anna Rita Bramerini ha sottolineato come il dibattito sullo smaltimento dei rifiuti in Toscana non possa estendersi sino a metter in
discussione anche dati ufficiali ed incontestabili. «Il Coordinamento dei comitati della Piana – ha detto l’assessore – non tiene conto della complessità delle operazioni di
gestione. Sarei felice di poter dire che la Toscana ha garanzie di autonomia in questo settore per altri 10 anni, ma questo non è vero».

L’assessore ha inoltre sottolineato che non c’è nessuna volontà di creare allarmismi evocando l’emergenza campana: «ci siamo mossi per tempo – spiega – proprio per evitare
qualsiasi emergenza. Una legge sui rifiuti esiste da un decennio e le modifiche recentemente introdotte vanno proprio verso una maggiore efficienza della gestione ed ottimizzazione delle
risorse. Lavorando bene sin da oggi possiamo gestire la grande mole di rifiuti che la nostra società produce, ma dobbiamo farlo guardando in faccia la realtà». La Giunta
regionale affronterà l’argomento rifiuti proprio lunedì prossimo, quando l’assessore Bramerini riferirà sugli ultimi dati forniti dall’Osservatorio.

Pamela Pucci

Leggi Anche
Scrivi un commento