Rifiuti. Bonino: «non rimanga una priorità solo per Bruxelles»

«Risolvere urgentemente la drammatica situazione in Campania non può rimanere una priorità solamente della Commissione europea, che proprio oggi ha confermato che entro
gennaio deciderà se andare avanti con la procedura d’infrazione, avviata lo scorso luglio, esponendo l’Italia al rischio di pesantissime sanzioni pecuniarie» lo afferma il Ministro
per le Politiche Europee, Emma Bonino.

«L’immagine – prosegue il ministro Bonino – di tonnellate di rifiuti che si accumulano, in maniera apparentemente incontrollata, con improvvisati inceneritori fai-da-te per le strade del
capoluogo campano e di altri centri della Regione, coniugato ai gravi problemi nella identificazione di nuove discariche, non può che minare la credibilità del piano di gestione
dei rifiuti portato avanti fin qui. Occorre subito, nei prossimi giorni e non mesi, mettere in cantiere un programma di smaltimento che non sia un libro dei sogni ma la cui applicazione sia
realmente fattibile, come pure garantire una continuità nella sua conduzione. La possibilità di avvalersi di finanziamenti con fondi europei è infatti subordinata proprio
alla fine della gestione commissariale».

«Siamo di fronte – conclude il Ministro – ad una situazione che dovrebbe preoccuparci tutti, non solo l’esecutivo di Bruxelles. Per questo non possiamo aspettare oltre, con il rischio di
cronicizzare ulteriormente una situazione che solamente chi è amante del paradosso può chiamare emergenza».

Leggi Anche
Scrivi un commento