Regali da cambiare o da riparare? Ecco come

Regali da cambiare o da riparare? Ecco come

Firenze – E’ capitato a tutti, specialmente durante le vacanze natalizie, di fare un acquisto (o un regalo) e poi pentirsene, magari perche’ il bene non funziona o semplicemente perche’ si
e’ sbagliato misura o colore. Ecco quali sono i diritti del consumatore.

Bene rotto o difettoso – La Garanzia
Sei hai acquistato un bene, puoi solitamente usufruire di due garanzie:

  1. la garanzia commerciale (o del produttore). Non e’ regolata dalla legge. E’ quindi necessario leggere le condizioni contrattuali di garanzia (solitamente all’interno della confezione) per
    sapere cosa ci spetta. Per ottenere una riparazione in garanzia commerciale, ci si dovra’ rivolgere direttamente al produttore o ai suoi centri di assistenza.
  2. la garanzia legale (o del venditore). E’ invece prevista dalla legge a carico del venditore ed e’ valida per due anni dall’acquisto. Per ottenere una riparazione in garanzia legale, ci si
    dovra’ rivolgere direttamente al venditore, mostrando lo scontrino o qualsiasi tipo di ricevuta che dimostri l’acquisto (carta di credito, etc.).Contrariamente alla garanzia commerciale, che
    puo’ prevedere tutto e nulla, la garanzia legale offre determinate tutele per tutti i consumatori privati (sempre che l’acquisto sia stato fatto senza partita Iva). Qui la nostra scheda pratica
    sulla garanzia: dei prodotti due anni carico venditore_14358.php

Diritto di recesso o di “ripensamento”
Per poter ottenere il cambio del bene, oppure la restituzione di quanto pagato, tutto dipende da come e dove si e’ fatto l’acquisto.

  1. Acquisti fatti in negozio o in altri locali commerciali. Salvo accordi con il venditore, la legge non prevede alcun diritto di recesso. Questo significa che non si ha diritto alla
    sostituzione, a buoni acquisto o altro, a meno che il negozio non sia d’accordo.
  2. Acquisti fuori dai locali commerciali (a domicilio, per strada, in alberghi, per posta, etc.). Si puo’ recedere senza penalita’ e senza darne alcuna giustificazione, inviando al venditore
    una lettera raccomandata a/r entro dieci giorni lavorativi dalla data di sottoscrizione del contratto. Qui la scheda specifica sul da farsi: recesso nei
    contratti fuori dagli esercizi_9631.php
  3. Acquisti a distanza (via Internet, per telefono, etc.). Si puo’ recedere senza penalita’ e senza darne alcuna giustificazione, inviando al venditore una lettera raccomandata a/r entro dieci
    giorni lavorativi da quando si riceve il bene. Qui la scheda specifica sul da farsi: distanza nel nuovo codice del consumo_1093.php

Pietro Yates Moretti, vicepresidente Aduc

Leggi Anche
Scrivi un commento