Referendum consultivo, ok della commissione consiliare

Firenze – La prima commissione in Consiglio regionale ha licenziato oggi la legge sul referendum consultivo, ne è contento Agostino Fragai, assessore alla partecipazione e
all’attuazione dello Statuto. «Mi dispiace però – commenta l’assessore – che il centro destra si sia fortemente opposto ad un articolo, voluto dalla giunta, che estende la
possibilità di partecipare al referendum anche agli stranieri».

«In questo caso siamo ben oltre le preoccupazione della Casa delle Libertà di estendere il diritto di voto agli immigrati. In questo caso – stigmatizza l’assessore – si limita a
chi abita nella nostra regione da almeno cinque anni, che lavora, che ha la residenza ed è in regola con il permesso di soggiorno la possibilità di partecipare ad un referendum
consultivo, e dunque di avanzare proposte a chi governa. Questo prevede infatti la norma che abbiamo proposto, con precise garanzie. E l’atteggiamento contrario della Casa delle libertà
è una regressione di carattere culturale che assolutamente non può passare».
«Vogliamo – conclude l’assessore – che la Toscana continui ad essere un laboratorio di nuovi diritti. Il centro destra toscano ha fatto invece addirittura un passo indietro rispetto a
quando, anni fa, il presidente di An Gianfranco Fini chiese di far votare gli stranieri alle amministrative».

Walter Fortini

Leggi Anche
Scrivi un commento