Raggiunto l’accordo sul prezzo del vino Moscato

Raggiunto l’accordo sul prezzo del vino Moscato

Torino – E’ stato raggiunto l’accordo regionale per il Moscato, in seguito a una lunga trattativa condotta con la mediazione dell’Assessore all’Agricoltura Mino Taricco e conclusasi in
serata in un incontro della Commissione Paritetica, composta da rappresentanti della parte agricola e della parte industriale, presso la sede del Consorzio di Tutela dell’Asti a Isola (AT).

Le parti hanno concordato un prezzo delle uve pari a 9,65 euro/miriagrammo riconosciuto alle aziende agricole produttrici (il prezzo 2008 era fissato a 9,95 euro/miria). La resa/ettaro rimane
invariata a 95 qli/ha di uva sia per l’Asti DOCG che per il Moscato d’Asti tappo raso. La quota di contribuzione destinata al programma pluriennale di valorizzazione e di rilancio dell’Asti
è stata ridotta a 0,45 euro/miriagrammo (era 0,51 nel 2008). Le parti hanno inoltre sin d’ora concordato una forma di tutela minima su prezzi e rese per il prossimo anno, pari a un minimo
di 85 qli/ettaro per la resa e di 9,55 euro/miriagrammo per il prezzo.  

“E’ stato un accordo molto sofferto” – sottolinea l’assessore Mino Taricco – “raggiunto dopo una lunga trattativa che ha dovuto conciliare la richiesta di riduzione di prezzo da parte delle case
spumantiere, che hanno risentito della contrazione dei consumi internazionali presente anche nel mondo del Moscato e dell’Asti, e la necessità  di garantire adeguata
redditività a ettaro alle aziende agricole che hanno subito un innegabile aumento dei costi di produzione. Credo che in questo quadro l’accordo raggiunto sia il migliore compromesso
possibile tra opposte esigenze. L’orientamento che la Paritetica ha assunto anche per l’anno prossimo, garantendo una tutela minima su prezzi e rese e impegnandosi in un piano di promozione e
sostegno del settore, sia un segnale importante della volontà  di guardare al futuro”.  

Il Moscato è D.O.C.G. (denominazione di origine controllata e garantita) dal 1993 e interessa il territorio di 53 comuni per circa 10.000 ettari, distribuiti tra le province di Asti (circa
4000 ettari), Cuneo (4300 ettari), Alessandria (1500 ettari). La vendemmia 2008 ha prodotto poco più di 1 milione di quintali di uva moscato, che rappresenta oltre un quarto dell’intera
produzione di uva da vino del Piemonte (25,6%) e poco meno di un terzo (27%) se si considerano le tre province interessate. Il vino che da tali uve si ricava rappresenta (dati 2007) il 17,6%
dell’intera produzione vinicola piemontese.

Leggi Anche
Scrivi un commento