Prodi: «orgoglio per attività esecutivo»

Si è conclusa dopo venti minuti esatti la comunicazione con la quale il premier Romano Prodi ha chiesto un nuovo voto di fiducia di Camera e Senato sul suo governo, la seduta è
stata sospesa mentre dai banchi della Cdl si intonavano cori con la richiesta di dimissioni.

Prodi ha rivendica «con orgoglio» l’attività’ del suo governo. Elenca i provvedimenti approvati, il risanamento dei conti pubblici, la determinazione nell’azione
dell’esecutivo e le riforma su cui si e’ preso impegno «senza pensare che decisioni solitarie e episodiche potessero mettere in forse» tali progetti. «Questa e’ la sintesi
dell’azione di governo che presento con orgoglio al Parlamento», ha scandito il premier. Dopo aver risanato i conti pubblici e aver condotto in porto il protocollo sul Welfare
«siamo pronti a tagliare le tasse e ad aumentare i redditi ai lavoratori, garantendo anche l’aumento della produttività, come testimonia il contratto dei metalmeccanici». E’
quanto ha affermato il presidente del consiglio.

Oggi non ci sarà nessun dibattito alla Camera. Tutto rimandato a domani quando alle 15 inizieranno le dichiarazioni di voto sulla questione di fiducia e, alle 17 circa, si dovrebbe
arrivare al voto.

Leggi Anche
Scrivi un commento