Prezzi: Il Biologico salva tasche e clima

 

Il bio aiuta il consumatore, il produttore e il clima. Per questo Coldiretti, l’Associazione Italiana Agricoltura Biologica, e Legambiente promuovono insieme Biodomenica
2008
, la campagna nazionale, presentata questa mattina, che domenica 5 ottobre porterà nelle piazze di tutta Italia la bontà e il gusto dei prodotti biologici. Oltre
ad acquistare e degustare, i visitatori potranno ricevere informazioni sull’apporto benefico dell’agricoltura bio nei confronti del cambiamento climatico.

Una ricerca fatta negli Usa da ricercatori dell’Usda (Dipartimento d’agricoltura degli Stati Uniti), del Rodale Institute e della Cornell University conclude che un campo
coltivato ad agricoltura biologica trattiene fino a sei volte la quantità di carbonio per ettaro all’anno in più rispetto al campo convenzionale. Dal punto di vista
del bilancio energetico un campo lavorato a bio fa risparmiare il 48,7 % del consumo. Discorso simile per le emissioni di Co2 equivalente: mangiare bio riduce del 30%
l’inquinamento (studio realizzato in Austria da Freyer e Weik, dell’Università di Vienna – Boku).

«Con la leadership conquistata in Europa la produzione biologica Made in Italy è una opportunità in più offerta dall’agricoltura italiana ai cittadini
che dimostrano una sensibilità crescente verso acquisti sostenibili dal punto di vista ambientale – ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini – nel
sottolineare che in attuazione del nuovo regolamento comunitario occorre introdurre al più presto il marchio del biologico italiano per consentire ai consumatori di fare scelte
di acquisto consapevoli».

Col bio, dunque, si può contrastare il cambiamento climatico, ma anche l’erosione del potere d’acquisto, come spiega Andrea Ferrante, presidente AIAB: «Ormai la
forbice di prezzo tra i prodotti convenzionali e quelli biologici si è notevolmente ridotta, tanto più se si acquista attraverso i canali alternativi alla distribuzione
convenzionale. Oltretutto, essendo meno dipendente la petrolio, la produzione biologica è meno condizionata dalla dinamica dei prezzi di quest’ultimo. In prospettiva,
dunque, i costi del bio manterranno una stabilità che permetterà un prezzo equo e giusto sia per il consumatore che per il produttore».

«Un contributo significativo ai mutamenti climatici – ha dichiarato Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente – può infatti venire dall’agricoltura
sostenibile, rispettosa della biodiversità e legata ai territori di produzione, capace di contribuire alla riduzione delle emissioni derivanti da carburanti fossili e dai gas
serra e di incrementare l’assorbimento di carbonio da parte delle piante e del suolo. L’agricoltura biologica, oltre a non contaminare i suoli per l’assenza di
pesticidi chimici, grazie alla varietà colturale contribuisce al mantenimento dello stato di salute del territorio e richiede minori consumi d’acqua».

Tra le iniziative della Biodomenica, presenti in tutta Italia da Nord a Sud:

Roma. Presso la Città dell’Altra Economia: mostra-mercato dei produttori bio laziali; laboratorio e degustazioni per adulti del commercio equo e solidale;
animazione e laboratori per bambini sulla trasformazione degli alimenti; «Manipolazione creativa», alla scoperta dei materiali attraverso il tatto; «Dal seme alla
pianta». Biolà offrirà a Roma latte biologico alla spina ad ad 1 euro.

Piacenza. Piazza Cavalli. Mostra mercato e degustazioni da mattina a sera. Sarà presente il Consorzio Biopiace (finalista Oscar Green), insieme di aziende biologiche
impegnate ad offrire alimenti locali, sani e di qualità senza trascurare la tutela del paesaggio rurale e la biodiversità.

Napoli. Nella Villa Comunale: circa 20 stand dove sarà possibile conoscere sotto il profilo nutrizionale, degustare e comprare direttamente dai produttori le
produzioni agroalimentari tipiche ottenuti con metodi biologici, sia fresche che in conserva.

Per maggiori informazioni sul programma della Biodomenica, consultare il sito http://www.biodomenica.it

I temi della giusta agricoltura e del clima, inoltre, ci mettono di fronte anche alle nostre responsabilità nei confronti dei paesi del Sud del mondo, che subiscono maggiormente
le conseguenze ambientali delle politiche energetiche e di sviluppo dei paesi occidentali. In questo contesto si giustifica l’adesione di AIAB, e Coldiretti alla campagna
«Abitare la nostra Terra», promossa da Legambiente, CEVI, COSPE e CIPSI con in co-finanziamento del Ministero degli Affari Esteri. La campagna vuole sensibilizzare
cittadini, istituzioni e la società civile in genere sui temi della Sovranità Alimentare, per promuovere il riconoscimento del valore sociale, culturale e ambientale della
terra nello sviluppo dei paesi del Sud del Mondo. La campagna sarà ospitata anche nella prossima edizione della Biodomenica, con la distribuzione di materiali informativi e la
presenza di una mostra tematica.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento