Presunti terroristi arrestati a Milano, Maroni valuta la situazione

 

Il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, ha presieduto, ieri pomeriggio al Viminale, una riunione del Comitato nazionale dell’ordine e della sicurezza pubblica per valutare
la situazione a seguito dei recenti attacchi terroristici a Mumbai (India) e degli arresti di due presunti terroristi avvenuti questa mattina a Milano.

All’incontro hanno preso parte il sottosegretario, Alfredo Mantovano, il Capo di Gabinetto, Giuseppe Procaccini, il Capo della Polizia, Antonio Manganelli, il Comandante
dell’Arma dei Carabinieri, Gianfrancesco Siazzu, il Comandante generale della Guardia di Finanza, Cosimo D’Arrigo, il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione
penitenziaria, Franco Ionta, il Direttore generale del Corpo Forestale dello Stato, Cesare Patrone, il Direttore dell’Aisi, Giorgio Piccirillo, il Direttore dell’Aise, Bruno
Branciforte.

L’operazione di polizia che ha portato all’arresto dei cittadini extracomunitari sospettati di far parte di una cellula terroristica operativa sul territorio della provincia di Milano,
ove avrebbe progettato il compimento di attentati nei confronti di obiettivi civili e militari, è stata effettuata dalla DIGOS della Questura e coordinata dalla Procura
Distrettuale Antiterrorismo del locale Tribunale.
Sono state, inoltre, effettuate diverse perquisizioni personali e domiciliari nei confronti di altri soggetti risultati, a vario titolo, in contatto con i destinatari dei provvedimenti
restrittivi.

Leggi Anche
Scrivi un commento