Presentazione del volume “Il vino nel delitto. Da Lombroso al bere consapevole”

Presentazione del volume “Il vino nel delitto. Da Lombroso al bere consapevole”

L’anno 2009 è stato interessato dalle celebrazioni per il centenario della morte di Cesare Lombroso, lo studioso italiano più noto a livello internazionale nella seconda metà
dell’Ottocento, che si spense proprio nella capitale sabauda.
Il ricco panorama di convegni, giornate studio e spettacoli teatrali che lo hanno visto assoluto protagonista è stato poi impreziosito, nel mese di novembre, dalla riapertura del Museo
Lombroso.
Sul fil rouge della metodologia lombrosiana, quanto sulla storicità e sul limite di tale contributo per la scienza ed il genere umano, sono così emerse interessanti riflessioni e
vivi dibattiti che hanno coinvolto sia gli esperti sia il pubblico generalista.

La casa editrice DonnEdizioni è quindi lieta di presentare, giovedì 17 dicembre alle ore 18, presso i locali di piazza Castello 9, il volume Il vino nel delitto.
Da Lombroso al bere consapevole
, inserito nella collana Torino, città capitale del vino, curata da Maria Luisa Alberico.

L’editore ha così voluto rendere omaggio a Cesare Lombroso inserendo, unitamente al testo della conferenza tenuta a Torino dallo scienziato, anche la documentata prefazione
dell’antropologo Massimo Centini ed alcune ulteriori note che inquadrano l’attualità del tema, scongiurando una demonizzazione dell’uso del vino ed auspicando invece adeguate campagne
educative.

Il pressoché inedito saggio Il vino nel delitto viene pertanto esplorato ed arricchito di un prezioso contributo che innesca interrogativi di grande attualità, legati all’uso
consapevole del vino.

La pubblicazione prende quindi avvio dal ciclo di conferenze che l’autore tenne presso la Società Filotecnica Torinese nel lontano 1880, all’interno di un ciclo di incontri legati al tema
del vino, investigato per l’occasione nei suoi molteplici risvolti dalle massime autorità del mondo della fisica, delle scienze naturali, della letteratura – solo per citare alcuni nomi,
Edmondo De Amicis, Giuseppe Giacosa e Michele Lessona.

L’intervento di Lombroso si caratterizzò, tra gli altri, per l’accento posto quasi esclusivamente ai danni causati dall’abuso di alcol e per il comportamento delinquenziale che l’alcolismo
innescava. L’autore, al contrario, ignorava e trascurava nel suo saggio gli aspetti di convivialità, benessere, salute e piacevolezza che in giusta misura sono insiti in quella che
possiamo definire la più completa ed evocativa bevanda che connota la nostra storia occidentale.
Proprio la tematica dell’abuso alcolico è oggi di straordinaria attualità ed esige di essere affrontata a più livelli, dall’intervento della famiglia – primo nucleo formativo
per l’acquisizione di consapevolezza per l’adolescente -, al ruolo della scuola e delle istituzioni che non possono ridursi al divieto tout court o alla proibizione, ma devono saper accompagnare
il doveroso controllo con un’efficace azione di comunicazione, orientando alla consapevolezza ed agli aspetti conviviali e piacevoli di una sana ed equilibrata assunzione del vino.

DonnEdizioni, pur con le riserve da rivolgere alla superata impostazione circa i danni arrecati dall’abuso alcolico che Lombroso offre nella sua trattazione, ha quindi curato la ristampa, in
perfetta linea con l’attenzione rivolta agli aspetti formativi che, con l’Associazione Donna Sommelier, ha da tempo attivato attraverso il percorso Modus Bibendi – si ricorda l’apprezzata
giornata di studio tenuta nel mese di ottobre con il sostengo della Camera di Commercio di Torino e la partecipazione di un centinaio di studenti dell’ultimo anno delle classi superiori. Uno
stimolo ed un contributo originale al lavoro di riflessione intorno al bere consapevole, ai benefici del vino, al problema dell’abuso e della guida che troverà certamente nuovi ed
ulteriori momenti di approfondimento.

DonnEdizioni
Torino – piazza Castello, 9
Giovedì 17 dicembre 2009 – h. 18
Intervengono
Sergio Miravalle, Presidente dell’Ordine di Giornalisti
Ugo Volli, Università di Torino – Facoltà di Scienze della comunicazione
Massimo Centini, antropologo ed autore della prefazione
Maria Luisa Alberico, editore
Modera
Renato Rizzo, giornalista e docente universitario

Info e Prenotazioni
Associazione Donna Sommelier Europa
piazza Castello, 9 – 10123 Torino
tel. 011 5785220 – info@donnasommelier.it

Leggi Anche
Scrivi un commento