Premio Sviluppo sostenibile 2009, la green economy si fa strada in Italia

Premio Sviluppo sostenibile 2009, la green economy si fa strada in Italia

Perugia – La green economy ha trovato una via italiana. Sono, infatti, sempre più numerose le imprese nazionali che hanno saputo coniugare qualità ambientale e
competitività industriale. A tre di queste aziende è stato assegnato il Premio Sviluppo sostenibile 2009, che, istituito dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile con la
collaborazione di Ecomondo-Rimini Fiera, ha ricevuto l’adesione del Presidente della Repubblica. Tra queste, le Cantine Lungarotti di Torgiano, per il settore delle energie rinnovabili.
  

Le altre – riferisce una nota dei promotori – sono sono la Indesit di Fabriano, per la categoria dell’efficienza energetica e la Montello di Montello, per il settore dei rifiuti.
  

Le imprese sono state giudicate in base all’efficacia dei risultati ambientali raggiunti, del contenuto innovativo del processo o del prodotto, dei risultati economici conseguiti, della
possibilità di diffusione in Italia del processo o del prodotto.   

Le Cantine Lungarotti si sono aggiudicate il premio per il recupero dei residui della potatura delle viti, utilizzati per la produzione di energia, riuscendo così a trasformare un problema
di smaltimento in una risorsa: la biomassa per produrre energia rinnovabile.   

Il progetto realizzato dal Crb, Centro ricerca sulle biomasse dell’Università di Perugia, e cofinanziato dal ministero delle politiche Agricole, è stato sviluppato in due anni sotto
la responsabilità scientifica di Franco Cotana direttore del Crb, e la direzione tecnico-operativa di Gianluca Cavalaglio sempre del Crb.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento