Pre-Natale: Un Welcome dinner in Costa d’Amalfi

Pre-Natale: Un Welcome dinner in Costa d’Amalfi

Immersa all’interno di un contesto panoramico, la Torre Normanna è uno dei posti di ristorazione più antichi della Costa d’Amalfi, l’accesso alla sala è suggestivo;
è necessario attraversare un ponte e delle scale di roccia. La sala interna e la terrazza con vista mare sono collocate ad un’altezza intermedia fra la strada e la spiaggia. Il locale, e
il personale, molto accoglienti trasmettono l’idea di una eleganza semplice, in un contesto nel quale qualsiasi tipologia di cliente possa sentirsi a proprio agio.     

La Torre è stata costruita nel 1500, tale fortino sulla costa aveva come unico scopo l’avvistamento contro le invasioni dei Normanni.

Il proprietario della Torre è un generale dei carabinieri adesso in pensione da pochi mesi: Maurizio Scoppa, la moglie è una discendente dei marchesi di Mezzocapo, si parla di
generazioni.

“Io mi chiamo Massimiliano Proto, sono uno dei fratelli gestori della Torre Normanna e dal 2007, abbiamo organizzato questa serata conviviale pre-natalizia per cercare di animare la Costa
d’Amalfi, ma soprattutto abbiamo cercato di legarci alla tradizione del  Natale, quindi, creando dei piatti da abbinare ai vini posti in degustazione. La scelta è orientata su
determinati finger food, andando da un cosciotto di maiale cotto a 62 gradi per 18 ore, ad un bloody mary amalfitano. Stasera fra i vini abbiamo scelto un Doble, l’Aglianico, e il Cutizzi”.

 

Cosa è cambiato dalla precedente gestione ad oggi?

“Dal cambio di gestione è derivato un ricambio sulla scelta degli alimenti. Noi cerchiamo di far essere la Torre Normanna un punto di eccellenza della Costa d’Amalfi”.

 

A Minori c’è una nota pasticceria italiana De Riso. Lei conosce Sal De Riso, e in che rapporti siete?

“Si parla di rapporti d’infanzia. Io mi ricordo che già da piccolo aveva un laboratorio di pasticceria nei pressi della sede comunale, e mi ricordo che mettevamo con lui le mani in
pasta, all’inizio aveva un collaboratore soltanto. Sono stato contento del boom di De Riso a livello nazionale, perché alle spalle ci sono anni ed anni di duro lavoro”.

 

Quali sono i piatti tipici della tradizione natalizia della costiera?

“La tradizione vuole che si parta dall’insalata di rinforzo che noi prepariamo sullo stile di quella napoletana con l’aggiunta delle acciughine salate, baccalà nei vari modi – dal fritto
al mantecato – per poi arrivare allo spaghetto atterrato, condito con acciughe salate, noci e nocciole e la scarola ‘mbuttunata (ripiena).

Il nostro menù, parte col capitone cotto nelle foglie di alloro e a cucinare s’inizia dalla mattina. Infine; struffoli, e zeppole scaurate.

Il 31 dicembre alla Torre Normanna organizziamo il veglione con finger food, calzonciello ripieno e fiori di cartamus, (che è una varietà pregiata di zafferani), calzoncelli
ripieni con nocciole acciughe e provola. Carpaccio di pomodoro con acciughina e sedano, capesanta affumicata ed un astice blu”.

 

Qual è lo scopo di questa serata?

“Non c’è uno scopo economico, abbiamo pensato soprattutto di promuovere le eccellenze campane, e richiamare gente. Partendo da questa sera di apertura al Natale, l’idea è di
creare delle serate a tema per proporci come alternativa agli altri locali di ristorazione. La musica (piano bar) il cabaret, il contesto panoramico, un valido allestimento rappresentano
certamente dei punti di forza del nostro locale. Per il momento possiamo dirci soddisfatti di questa serata”.  

 

Qualche cenno storico

L’antica Torre di avvistamento normanna di Maiori, che ha ospitato un episodio del film “Paisà”, Ingrid Bergman, Roberto Rossellini, Leonardo Di Caprio, Naomi Campbell e Lucio Dalla,
è una delle prime torri di avvistamento costruite sulla fascia costiera amalfitana, un solido bastione abbarbicato sulla scogliera di Maiori, che oggi ospita un affermato ristorante.
Probabilmente, fra le diverse presenti sulla costa è la meglio conservata, e vi si accede mediante un ponticello di pietra o per via mare. La Torre – di proprietà dei marchesi di
Mezzacapo – sorge al centro della marina, e costituisce il complesso delle fortificazioni costiere della città di Maiori. La prima, costruita tra il 1534 e il 1590, a due piani con
cisterna, feritoie, bombardiere e con coronamento di caditoie, si presenta molto ben conservata nella sua struttura originaria. Attualmente, è usata come un locale notturno. La seconda,
costruita nel 1584, ha solo un piano costituito da un’unica grande sala, coperta con volte a botte. Si presenta anch’essa ben conservata nella struttura originaria.

Durante quegli anni lo scopo delle Torri era di segnalare la presenza e gli avvistamenti dei predoni, mediante i fuochi, che in base a come venivano sparati assumevano significati differenti
(indicavano, quindi, assalto, incendio o battaglia).

La Costa d’Amalfi, attualmente, è compresa nel patrimonio dell’Unesco, e conta quindici cittadine.

http://www.ristorantetorrenormanna.it

 

Odette Paesano
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento