Pomodori verdi, più potenza nei muscoli

Pomodori verdi, più potenza nei muscoli

 

la Tomatina, presente nella buccia, potenzia le cellule contro l’atrofia muscolare

Pomodoro verdeI pomodori verdi, possibile mezzo per potenziare i muscoli e combattere l’atrofia muscolare.

E’ l’ipotesi presa in esame da una ricerca dell’Università dello Iowa, diretta dal dottor Christopher Adams e pubblicata sul “Journal of Biological Chemistry”.

Adams e colleghi si sono messi all’opera per trovare un rimedio all’atrofia muscolare. Tale malattia è causata in primis dall’invecchiamento, ma anche da condizioni come tumori, lesioni ossee, problemi al cuore.

Chi ne è affetto manifesta stanchezza cronica, con conseguente riduzione della salute psicofisica e della qualità della vita.

Ad oggi, le terapie convenzionali prevedono l’impiego di esercizio fisico ma, data l’estrema debolezza dei soggetti, raramente si mostrano efficaci.

Perciò, in cerca di una soluzione migliore, gli studiosi hanno preso in esame la Tomatina, utilizzando la “Connectivity Map”, strumento di ricerca pensato dal Broad Institute del MIT e dell’Harvard School. Tramite questo, si è potuto individuare come la sostanza generasse l’effetto opposto a quello che si verifica nelle cellule muscolari durante l’atrofia.

Volendo ulteriori conferme, gli scienziati hanno condotto una doppia serie di test: prima su cellule umane coltivate in laboratorio, poi su topi affetti dall’equivalente dell’atrofia muscolare umana. Entrambi i test hanno dati risultati positivi: in particolare, la sperimentazione sui roditori ha mostrato come la tomatina provocasse la formazione di muscoli massicci, con cellule più resistenti alla malattia.

Prossimo passò sarà così la sperimentazione su volontari umani.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento