Poca autostima da bambini, rischio obesità da adulti

Poca autostima da bambini, rischio obesità da adulti

I bambini che passano l’età dello sviluppo in preda a carenze di fiducia (o vera e propria mancanza di autostima) hanno maggiori probabilità di manifestare obesità una
volta raggiunti i 18 anni.

A sostenerlo, uno studio del King’s College di Londra, diretto dal dottor David Collier e pubblicato da “BMC Medicine”.

Gli studiosi hanno osservato circa 6500 soggetti, seguendoli dall’infanzia (negli anni Settanta) fino ai giorni nostri oramai adulti. Essi hanno così notato come i bambini più
timidi si sono trasformati in adulti con problemi di peso con maggiori probabilità dei coetanei arditi.
A riguardo il dottor Collier specifica così come “da oggi si può certamente concludere che i problemi emotivi rappresentino un fattore di rischio obesità”.

In ogni caso, il medico e la sua squadra di collaboratori non vogliono stabilire un legame diretto e fatalistico tra scarsa autostima: semplicemente, i deficit emotivi devono essere inseriti
nel ventaglio dei fattori di rischio insieme ad obesità in famiglia, abitudini alimentari e sedentarietà.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento