Più vigilanza per la sicurezza di chi lavora sui tetti

Firenze – Il vento forte che imperversa sul territorio regionale e i fenomeni atmosferici che hanno spinto la sala operativa della Protezione civile regionale a diffondere
l’allerta meteo hanno creato in questi giorni e creeranno nelle prossime ore possibili danni alle coperture degli edifici, aumentando le richieste urgenti di riparazioni, ripristini,
manutenzioni.

Come si è verificato in altre occasioni questo aumento di attività sui tetti potrebbe provocare un incremento degli infortuni sul lavoro. Infatti negli ultimi 8 anni la
modalità di accadimento più frequente tra gli infortuni mortali avvenuti nei cantieri o durante la manutenzione delle coperture è proprio la caduta dall’alto, con quasi il
60% sul totale (20 infortuni mortali solo nella manutenzione delle coperture).

E’ più che mai necessario quindi aumentare le attività di vigilanza. L’assessorato regionale per il diritto alla salute ha scritto in questo senso ai Direttori dei Dipartimenti di
prevenzione delle Asl e ai responsabili dei servizi Prevenzione e igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro, invitandoli ad allertare i Servizi ispettivi affinché intensifichino in questi
giorni la presenza sul territorio, con particolar riferimento all’attività di manutenzione delle coperture.

Anche i mezzi di comunicazione sono invitati a collaborare in un’opera di sensibilizzazione alla problematica della successiva ed urgente manutenzione delle coperture di capannoni industriali e
di civile abitazione, per ricordare ai committenti, alle imprese e, in genere, agli addetti alla manutenzione, il rispetto delle più elementari norme di prevenzione.

Susanna Cressati

Leggi Anche
Scrivi un commento